ADSL – spazio navigatori – ADSL via satellite


 

 

Giovedì

17 agosto 2006

 

 

 

ADSL: indicazioni dei navigatori

 

 






 

Da: Duke
a: info@montorioveronese.it

Ciao,
leggevo gli ultimi aggiornamenti sul discorso ADSL a Montorio e ho visto che si diceva che telecom ha “risolto” tutti i problemi portanto “ADSL” alla cabina via satellite.
Vorrei sapere se ci sono dei dati tecnici a riguardo, se si conosce qualcosa di meglio, perche messa cosi, la prospettiva è agghiacciante. Volevo solo far presente che si è giustamente sempre SCONSIGLIATO agli abitanti di Montorio di ADERIRE alle proposte “via satellite” che gli operatori 187 cercano di propinare ogni volta che gli si dice che il nostro paese non è coperto, se portassero la banda larga a Montorio via satellite, in centrale, sarebbe ESATTAMENTE la stessa cosa, tranne che al posto di avere 1 parabola per casa si avrebbe 1 sola parabola per tutti in centrale.
Dal momento che dubito fortissimamente che il flusso in UPSTREAM sia rispedito al satellite, ritengo verosimile che verrebbe inoltrato attraverso un array di connessioni digitali ISDN (ossia il “meglio” disponibile a Montorio) alla centrale ADSL più vicina, il problema è che si dovrebbe passare lo stesso attraverso ISDN con i ben noti svantaggi. Questa prospettiva è terrificante, perche avremo si, in DONWSTREAM, una larghezza di banda paragonabile all’ADSL (quella vera) ma in upstream le cose peggiorerebbero drasticamente rispetto la situazione attuale (mi sembra impossibile che telecom installi una stazione per l’invio di segnali satellitari proprio qui a Montorio dove non può permettersi di spendere soldi per portare una fibra da Borgo Venezia…), senza contare i problemi tecnici quali la presenza di un probabile NAT che concentrerebbe tutte le connessioni di Montorio in un unico IP di uscita, impedendo di fatto servizi tipo gioco online, e creazione di server di quasliasi tipo, ad esempio per ospitare un sito. Voglio dire che il “LAG” (Latency, ossia ritardo) che interviene dal momento in cui un utente “richiede” un qualsiasi contenuto alla rete, al momento in cui questo contenuto viene recapitato AUMENTEREBBE pur avendo a disposizione una banda enormemente più larga di quella che c’è adisposzione ora.
Ora, per alcuni tipi di applicazioni questo è indifferente, ad esempio per la classica navigazione internet il problema non sarebbe sensibile, e probabilmente per scaricare film o musica la situazione potrebbe anche migliorare rispetto a quello che esiste adesso, ma per giochi, applicazioni VoIP (telefonate via internet), webcast -QUALSIASI TIPO DI SERVER INSTALLATO A MONTORIO- streaming di flussi audio/video originati a Montorio ed applicazioni altamente interattive in genere (cioè dove è richiesta una costante interazione con “l’altra parte del filo”), la situazione peggiorerebbe moltissimo rispetto alla gia disastrata situazione che abbiamo ora, per gli stessi motivi per cui si sconsigliava alle persone di non aderire alle proposte “ADSL via satellite”. Questo è cio che mi è parso di capire dalle pagine che trattano di questo argomento sul sito montorioveronese. Poi sono andato a controllare il famigerato http://www.wholesale-telecomitalia.it e ho trovato un simpatico progetto “ANTI DIGITAL DIVIDE” di Telecom, creato proprio per portare una simil-simil ADSL ai poveri utenti sfortunati (come noi di Montorio).
Questo sistema prevede il raggiungimento della cabina del paese attraverso un collegamento radio ad alta frequenza (non satellitare, ma terrestre) con le caratteristiche che riporto in seguito: accessi disponibili limitati a circa 50/100 clienti; velocità di picco downstream massima possibile pari a 640 Kbit/s (verificate su
http://www.wholesale-telecomitalia.it/cgi-
bin /wholesale.dll/wholesale/TI_WS_GuestLogin.jsp
).
Purtroppo o per fortuna non vedo Montorio nella lista dei paesi soggetti ad attivazione di questo sistema il prossimo settembre. In ogni caso , anche se fosse cosi, chi sarebbero i 50/100 fortunati (imbrogliati…) che ne potrebbero far uso? E gli altri? Si attaccano come al solito? Ad ogni modo mi sembra di capire che, o ADSL è slittata ancora, oppure avremo una sorta di minestra riscaldata, poco migliore (e per alcune applicazioni PEGGIORE) del sistema antidiluviano che abbiamo adesso, di certo non l’ADSL che speravamo e attendavamo da anni.
La mia preoccupazione è abbastanza forte, vorrei sapere se avete maggiori informazioni riguardo il sistema che verrà attivato per noi, se sapete il nome o qualche caratteristica tecnica, cosi magari mi tranquillizzo sul fatto che non si tratta (lo spero davvero) del sistema aberrante che ho ipotizzato qui sopra. Nella speranza di mettere in guardia qualcuno, ricordando che chiamare “ADSL” un sistema non equivale a risolvere i propri problemi di connessione e non vuol sempre dire avere un servizio migliore,
porgo cordiali saluti.
Mi scuso per la lunga email.
Mosè

Da: info@montorioveronese.it
a: Duke

Ciao Mosè,
sono lieto di risentirti!!
N
non conosco nei dettagli le specifiche tecniche dell’intervento ne tantomeno non ho la tua conoscenza circa ilfunzionamento delle varie applicazioni che hai elencato (voip, webcast, etc). Ma ti posso dire questo:
1) il programma per le nuove attivazioni ADSL è nazionale e deciso a Roma sulla base di fantomatici calcoli su utenti, territorio servito, costi di attivazioni e altro;
2) per Montorio manca il collegamento in fibra ottica dalla centrale di S. Michele (torre Telecom) alla centrale di Montorio;
3) il costo dell’intervento per la posa dei cavi è molto alto (credo attorno ai 200.000 euro) per cui in questo momento l’intervento non sarebbe rientrato nell’elenco deciso a Roma;
4) l’unico modo di avere un servizio “simile” all’ADSL è quello di fare un ponte radio (antenna) tra la torre Telecom e Montorio: naturalmente il ponte radio deve essere progettato per in parco utenti di Montorio, Mizzole e Pigozzo che sicuramente è superiore ai 100 utenti; spero che anche le velocità siano tenute in considerazione e ci sia una progettazione corretta;
4 bis) quindi si tratta di un ponte radio terrestre e non satellitare;
5) fatto il ponte radio verranno installate nella centrale di Montorio le apparecchiature adatte a dare il servizio.
Ora vediamo i miei dubbi: ammettendo che questo sistema funzioni, sicuramente all’inzio quando gli utenti sono pochi le velocità saranno alte; con l’aumento degli utenti credo che le prestazioni siano destinate a diminuire.
Non conosco la velocità ipotizzata.
Inoltre in caso di nebbia e pioggia forte ho dei dubbi sul corretto funzionamento del ponte radio. Ho parlato con i ragazzi di Euronia che hanno avuto in passato un sistema simile: mi dicevano che la velocità non è male ma che in caso di brutto tempo la linea si può addirittura interrompere.

Dopo anni di tentativi lettere, raccomandate e molto tempo perso, siamo arrivati ad ottenere questo “servizio”. Io spero che il dirigente Telecom con cui abbiamo parlato in questi anni sia una persona di parola (ci ha sempre assicurato che gli utenti del servizio non si accorgeranno della differenza tra la fibra e il ponte) e spero che finalmente il lavoro venga eseguito.
C
comunque la nostra redazione ha intenzione, a lavori ultimati, di organizzare una serata di presentazione del servizio. In tale occasione spero siano presenti i Tecnici Telecom e spero siamo presenti in sala delle persone come te in grado di interventire e chiedere nel dettaglio come funziona il sistema.
Spero di risentirti presto e non solo per parlare di ADSL, ciao!!!
Roberto

Da: Duke
a: info@montorioveronese.it
Ciao!!
Grazie per la velocità con cui avete risposto!
Ok se il collegamento è TUTTO via radio (andata e ritorno) e non via satellite allora i miei grossi dubbi diminuiscono un po’. Come dici tu resterebbe solo il problema di capacità del canale, ma quello dipende molto da come decidono di implementare il sistema.
Viste le antenne presenti sulla torre di S. Michele la capacità non dovrebbe essere un grosso problema, e anch’io penso che pioggia o la nebbia siano poco influenti.
Beh, staremo a vedere!
Grazie delle informazioni e speriamo che facciano le cose come si deve!
Ormai ci siamo no? Settembre è vicino… (però toglimi la curiosità: che benestare dei beni culturali devono attendere se fanno tutto con un’antenna? Mah…).
Bella idea quella della presentazione del servizio: sarebbe anche un buon momento per ringraziare voi del sito per tutto il lavoro che avete fatto nell’intento di portarci finalmente fuori dal medioevo informatico nel quale ci troviamo attualmente a Montorio, e poi magari sarebbe il caso di strappare qualche altra promessa ai signori della Telecom, tipo che non si dimentichino di Montorio per altri 40 anni.
La tecnologia avanza a una velocità impressionante. Sarebbe bello che il nostro gap venisse colmato e arrivassimo finalmente al passo coi tempi, o che almeno, come hai detto tu, la velocità di ricetrasmissione non subisse cali oltre i limiti quando le utenze di Montorio cominceranno a crescere.
Si son gia presi un bel po dei nostri soldini col servizio pietoso che ci hanno dato fino ad ora: magari è il caso che spennino polli nuovi.
Grazie ancora per la risposta e ci vediamo alla serata di presentazione dell’ADSL, sperando sia nei tempi previsti!!
Mosè.

Da: info@montorioveronese.it
a: Duke

Anche un semplice palo con un’antenna ha bisogno del parere dei beni ambientali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.