Le notizie storiche sulle tele rubate



Clamoroso furto
nella chiesa parrocchiale

di Gabriele Alloro

“Nella giornata di mercoledì, durante le ore di apertura della chiesa, sconosciuti hanno rubato due dipinti su tela di forma ottagonale, di cm. 100×120, raffiguranti l’Adorazione dei Magi e l’Adorazione dei Pastori, opere collocate sulla parete sinistra della chiesa parrocchiale di Montorio”.

Adorazione_dei_Magi.jpg Adorazione_dei_pastori.jpg

Questa è una gran brutta pagina del nostro diario elettronico, una pagina che il sottoscritto non avrebbe mai voluto leggere.

Sono stato avvisato dell’accaduto solo venerdì sera (21 marzo) e sono letteralmente rimasto senza parole. Un furto nella nostra chiesa. Un furto di opere d’arte, oggetti unici, preziosi, reliquie ammirate, adorate, patrimonio di tutti.

Non si hanno molte notizie su queste tele; da circa una ventina d’anni erano conservate nella nostra parrocchiale e non è chiaro se provenissero dalla chiesa di Ponte Florio o dalla villa della famiglia Paronzini, un tempo proprietaria dell’oratorio stesso. Di autore ignoto, ad un esame visivo sono attribuibili alla scuola veneta della seconda metà del XVIII secolo. Una raffigura l’Adorazione dei Magi, l’altra l’Adorazione dei pastori. Ricordo che quando arrivarono nella nostra chiesa erano in cattivo stato di conservazione e furono fatte restaurare all’inizio degli anni ’90 dall’allora parroco di Montorio don Carlo Fiorini. Successivamente vennero collocate nella cappella laterale sinistra ai lati della trecentesca statua in pietra della “Madonna con Bambino”, pregevole opera dello scultore veronese Giovanni Di Rigino.

Non è la prima volta che i ladri di opere d’arte visitano la nostra chiesa. Nella notte tra il 29 e il 30 novembre 1978 ignoti penetrarono nel tempio dalla porta laterale Nord e staccarono dalle cornici due tele: la “Crocefissione” di Vincenzo Ligozzi (opera datata 1605) e la “Madonna con Bambino, Sant’Agata e Santa Apollonia” di Padre Massimo da Verona (XVII secolo). Fortunatamente un mese e mezzo più tardi, a conclusione di una brillante operazione, la Squadra Mobile della Questura di Verona recuperò entrambe le tele che, a quanto si seppe in seguito, stavano per essere trasportate in Lombardia con destinazione finale Svizzera. Entrambe le opere erano state restaurate nel 1975, ma in seguito al furto furono maldestramente piegate riportando danni visibili ancora oggi.

Questo furto non ha depauperato solamente la nostra Parrocchiale, che considero un’autentica pinacoteca, ma ha privato Montorio e la Città di Verona di due opere d’arte, OPERE CHE APPARTENGONO ALLA COLLETTIVITA’! Ha impoverito noi montoriesi, fedeli, parrocchiani, cittadini.

Le mie speranze, così come quelle dell’intera Comunità di Montorio, sono rivolte alle Forze dell’Ordine, perché riescano a compiere lo stesso miracolo di trent’anni fa e ci permettano di godere nuovamente di ciò che ci è stato indebitamente e criminosamente sottratto.

Gabriele Alloro, 2008

Adorazione dei Magi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.