Fiume Fibbio



Fiume Fibbio
 
E’ il collettore di tutte le sorgenti di Montorio. Nella parte alta del paese raccoglie le acque del laghetto Squarà e delle sorgenti Bojo e Tondo, scendendo in vari rami che si uniscono poco prima del ponte Trivelin. A valle di quest’ultimo il Fibbio si divide nuovamente in due rami: quello di sinistra prende il nome di Fibbietto, mentre quello di destra cede in parte le sue acque alla fossa Murara ed in parte rientra nel Fibbietto poco più a valle.
Le sorgenti più abbondanti sono però nella parte inferiore del paese: il Fontanon, il Tondetto (o Scaletta), le Sorgive basse e la Madonnina. Mentre quest’ultima sorgente, assieme al Tondetto, alimenta in parte la fossa Zenobria e in parte la fossetta Madonnina, le altre formano il Fibbio basso che è caratterizzato da una notevole portata.
A valle dell’ex conceria SAPEL anche il Fibbietto confluisce nel Fibbio che procede verso Ferrazze inoltrandosi nella campagna.  Prima di questa località riceve anche le acque della fossetta Madonnina e altra acqua proveniente da canali irrigui della campagna di Montorio. Sempre a Ferrazze si dipartono dal Fibbio la fossa Pozza e la fossa Rosella.
Oltrepassato San Martino Buon Albergo il Fibbio procede fra numerosi meandri verso Belfiore, inoltrandosi poi nella bonifica Zerpana per finire quindi nel fiume Adige.
 
Luigi e Gabriele Alloro
 
 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.