Il ponte sul Fibbio è da mettere in sicurezza


A chi tocca sistemare il ponte?

Riportiamo di seguito l'Articolo del quotidiano L'Arena relativo allo stato precario del ponte che oltrepassa il torrente Fibbio nella zona oltre il Circolo I° Maggio a Montorio. Il manufatto è da sistemare ma al momento non si riesce ad individuare qual è lìente delegato ad intervenire


L'Arena sabato 25 febbraio 2017 pagina n. 27

MONTORIO. L'allarme lanciato da un consigliere e dagli agricoltori

«Il ponte è degradato, va sistemato subito»

Preoccupa lo stato del manufatto sul Fibbio dietro l'ex azienda Sapel. È da mettere in sicurezza

«Sistemate quel ponte!»A lanciare l'allarme è il consigliere di Battiti dell'ottava circoscrizione, Roberto Bertolo, il quale, assieme agli agricoltori della zona, denuncia il precario stato di un ponte sul torrente Fibbio dietro l'ex azienda Sapel a Montorio.«Ho chiesto a un tecnico della circoscrizione», dice, «se il ponte fosse di nostra competenza, ma tutto ciò che riguarda la rete idrica è del Consorzio Alta Pianura Veneta. Purtroppo il Consorzio sta deludendo le attese, il tutto confermato da com'è lo stato dei corsi d'acqua della vallata. Questo ponte ne è un esempio emblematico e, nel momento in cui succederà qualcosa, staremo a chiederci perché è successo. Sarebbe meglio mettere il ponte in sicurezza subito, anche perché sotto ci passano delle persone come quando fanno la gara degli Zatteroni a giugno. Magari basta un forte colpo di vento per farlo cadere».Riguardo al ponte, che non è adibito ad attraversamento pedonale e sul quale passa una canalina per l'irrigazione agricola, parla anche un agricoltore della zona che afferma: «Noi agricoltori ci siamo informati presso il Consorzio che ci ha fatto sapere che quel ponte non è gestito da loro, dicendoci che è compito nostro sistemarlo per portare l'acqua serve ai nostri campi. Successivamente ho interpellato anche il Genio Civile che ci ha confermato che il ponte non è di nostra competenza ma del Consorzio, perché è impossibile che un fiume sia di nostra proprietà. Per quanto ci riguarda, noi potremo mettere un tubo nuovo per far scorrere l'acqua, ma il problema rimane la sicurezza del ponte, sotto il quale passano con le canoe e d'estate, quando c'è abbastanza acqua – prosegue – i ragazzi ci vanno sopra per tuffarsi. Quello che vogliamo capire è di chi è la competenza di quel ponte, ma soprattutto – conclude – che sia messo a posto il prima possibile».M.HR.

Stitched Panorama

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.