Degrado e sporcizia a Mizzole. Le richieste dei cittadini e il sopralluogo AMIA


Denuncia sporcizia a Mizzole. I residenti chiedono interventi.

AMIA in sopralluogo

Pubblichiamo di seguito il comunicato Stampa di AMIA relativo al sopralluogo di Mizzole e l'articolo del quotidiano L'Arena di Verona del 26 febbraio 2017 con la richiesta di intervento dei cittadini per il degrado nella frazione


SOPRALLUOGO NELLA FRAZIONE DI MIZZOLE PER VERIFICARE INTERVENTI DA EFFETTUARE.

“Compito primario della nostra azienda – afferma il Presidente Andrea Miglioranzi – è quello di rispondere con rapidità alle segnalazioni di degrado che arrivano dai nostri cittadini e naturalmente dalla stampa. Rispondiamo sempre e comunque ugualmente quando non è competenza nostra intervenire.” “Anche in questo caso – prosegue Miglioranzi – l’elenco di cose da sistemare, segnalate nell’articolo, è lungo e dettagliato. Ci riguarda senz’altro la parte inerente allo spazzamento delle scalinate che collegano la parte bassa della frazione con quella alta, che abbiamo provveduto immediatamente a sistemare e il cestino dell’immondizia (sparito) posto vicino alla fermata dell’autobus che senz’altro andremo a riposizionare. La staccionata del cimitero da aggiustare non è di nostra competenza e neppure la manutenzione dei cipressi antistanti. Le buche sicuramente andranno riparate dalla circoscrizione, così come la grata di scolo piena di materiale inerte. Anche le ‘rat dispenser’ sono ben distribuite qui a Mizzole, ma rilevando la necessità aumenteremo senz’altro il numero nei punti nevralgici. Tengo a sottolineare che il sistema di pulizie di Amia è ordinato e costante. Talvolta necessita di interventi straordinari, ma ciò non vuol dire che siamo disattenti o negligenti. Tant’è che oggi non ho trovato situazioni d’emergenza o di degrado, anzi, direi che la frazione è ben curata perché guardandomi un po’ in giro, vedo e percepisco pulizia e igiene.”


LA DENUNCIA. La frazione ha chiesto interventi, per ora senza risultati
 

Degrado e sporcizia. Mizzole adesso insorge

I residenti: «Nella piazzetta ci sono buche enormi a terra rifiuti sparsi e i cartelli stradali sono divelti»

Gli abitanti di Mizzole non ci stanno e, spinti da rabbia e delusione, protestano contro le istituzioni, colpevoli di non considerare la frazione esposta al degrado e ad atti vandalici.La signora Rosetta spiega: «Con alcuni residenti abbiamo fatto un sopralluogo nelle varie zone della frazione, per renderci conto della situazione che è risultata essere tutt'altro che confortante. Vorremmo che qualche assessore venisse di persona a vedere come siamo messi. Ad esempio abbiamo riscontrato che la staccionata del cimitero è da sistemare, così come una grata di scolo che è otturata perché piena di materiale. Le scalinate che collegano la parte bassa della frazione con quella alta sono sporchissime e in una piazzetta si sono formate delle buche enormi. Di questo ed altre situazioni critiche sono stati sollecitati tutti gli organi preposti, ma nessuno ci ha ascoltato».Ma l'elenco delle cose che non vanno prosegue: «C'è tanta sporcizia che ha causato l'arrivo dei topi e nella piazzetta della frazione è da giorni che il cartello riservato all'ambulanza è per terra, così come alla fermata dell'autobus è sparito il cestino dell'immondizia, quindi tutti buttano i rifiuti per terra».La signora Elena aggiunge amaramente: «Non pretendiamo chissà cosa», esordisce ironica, «ma almeno che Mizzole venga tenuta in considerazione. Se Verona è come una casa visto che il salotto è Piazza Brà, ed è tenuta benissimo, che ci dicano se Mizzole è il bagno». E conclude: «Però ricordo che anche quello va tenuto in ordine e pulito».Roberto Bertolo, consigliere circoscrizionale di Battiti e residente a Mizzole, punta il dito anche su un altro argomento.«Non c'è un servizio regolare di vigilanza all'uscita delle scuole», sottolinea. «E inoltre, ora che si aprirà la stagione, saremo invasi da ciclisti e motociclisti senza controlli riguardo al comportamento ed alla velocità».M.H.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.