Vandali in azione in Piazza Buccari: gettati nella fontana i libri della “Bibliotechina”.


Sgradevole risveglio per gli abitanti di Montorio e per i fruitori dei libri contenuti nella “Little Free Library”  (Piccola Bibliotechina Libera) installata in Piazza Buccari quasi due anni fa dall’Associazione di Promozione Sociale “La Goccia”.

Alcuni dei libri contenuti nella casetta sono stati infatti gettati nella fontana di piazza Buccari, l’atto vandalico non sembra aver seguito un filo letterario preciso in quanto i libri scelti appartengono tipologie diverse.

Un gesto che si commenta da solo e che si aggiunge alla sequela di quelli che negli ultimi tempi (recenti) hanno visto il quartiere di Montorio quale teatro del compimento di azioni “antisociali”. Come ad esempio i ripetuti atti compiuti al Circolo I Maggio, il taglio delle panchine a Forte Preare,  il deturpamento dei muri perimetrali esterni delle abitazioni con scritte, l’imbrattamento e la rottura dei giochi per bambini nei parchi, (…). Il gesto è stato segnalato alle autorità le quali verificheranno se le registrazioni video della sicurezza urbana restituiranno “volti noti”.

Ricordiamo che il fine della “Piccola Bibliotechina Libera” (L.F.L.), luogo di ritrovo per molti, anche solo come indicazione topografica per gli incontri (“ci troviamo vicino alla casetta verde”), è noto ed apprezzato dalla comunità Montoriese, ovvero favorire il libero scambio di libri. “Porta un libro prendi un libro” è il motto che caratterizza l’iniziativa nata in America e nel tempo esportata in tutto il mondo. Oltre a quella di Montorio (la prima installata nel Comune di Verona) le “LFL” sono state installate, sempre dalla Associazione “La Goccia”, anche a Poiano, Quinto, Mizzole ed in 7 ^ Circoscrizione a Porto S.Pancrazio.

 

Alberto Speciale

   

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.