Sagra 2018: bilancio conclusivo.


E così, anche quest’anno la sagra dell’Assunta è arrivata alla sua conclusione. Come saprete, il tempo è stato abbastanza benevolo con noi, permettendoci di non dover rinunciare a nessuna serata, seppur con qualche ansia. E pensare che per poco la sagra non saltava! Infatti per noi quest’anno, la grande sfida, è stata quella di riuscire ad interpretare e soddisfare le nuove regole per la sicurezza. Questo ha impegnato alcuni di noi, per almeno due mesi, a girare per uffici in cerca di informazioni, notizie e conferme sugli obblighi da rispettare. Fortunatamente abbiamo avuto l’aiuto (termine molto riduttivo) da parte di un montoriese, esperto nel settore sicurezza, che ci ha sollevati da un compito che richiedeva competenze così specifiche e un’esperienza nel settore che noi non avevamo, mettendosi a disposizione gratuitamente, della Comunità, facendo un lavoro egregio. Grazie Marco, senza di te non avremmo mai potuto farcela! Detto ciò, parliamo dei nostri splendidi volontari che ci hanno permesso di portare a termine nel migliore dei modi anche questa edizione, montando gli stand, gli impianti elettrici e idraulici. Che dire dei cuochi? Che ci hanno deliziato anche quest’anno con le loro specialità (Musso, risotto e gnocchi), dei “ragazzi delle griglie”? Che hanno dato il meglio di sé, ed anche qualcosa in più, per saziare le “bocche affamate” che si affollavano davanti agli stands. E che dire dei “piadinari”, “patatari” e “hamburgherari”? Parlano i numeri per loro: sempre testa bassa e al lavoro! La pesca di beneficenza, grazie al lavoro delle nostre volontarie, anche quest’anno ha fatto sold-out. Le serate sono state splendidamente allietate dai vari gruppi scelti dal nostro direttore artistico Luca Dj alias Rinato Zero. Ovviamente tutto ha potuto funzionare anche grazie agli addetti alla distribuzione, a tutto lo staff del bar, delle birre e a tutte le persone che hanno lavorato dietro le quinte (l’elenco sarebbe troppo lungo). Una bellissima conferma sono ormai le tante attività organizzate e gestite dai ragazzi del Centro Aperto, che grazie alla supervisione e guida degli inesauribili Federica e Mirko, anche quest’anno hanno avuto grande successo: i cocktail “più gusto e meno alcol”, lo stand dei giochi e la “Fattoria didattica” (che è ormai una garanzia), lo zucchero filato ed il prezioso servizio di pulizia dei tavoli. Ma la grande novità è stata quella del progetto “piccoli pasticceri crescono” che ha superato ogni più rosea aspettativa di tutti, sia per quanto concerne il gradimento che per il risultato di vendita. Questo ha ripagato degli sforzi e dell’impegno profuso durante i mesi di preparazione, nonché durante la sagra (e non solo a stand aperti, perché il grosso del lavoro è stato fatto a stand chiusi). Ovviamente un grande ringraziamento va ai ragazzi di “Infermentum” che si sono resi disponibili ed hanno approntato le ricette e formato i “pasticceri in erba” e al bar “The Brothers” di Grezzana per la collaborazione con il “Più gusto e Meno alcool”. Per tutto ciò noi del comitato vogliamo dire un grande Grazie a Tutti! E un grande Grazie va anche a tutti voi, che alla sagra avete partecipato come graditi ospiti, dandovi appuntamento al prossimo anno!

Ed ecco il video del dietro le quinte…  che vi mostra la gioia e la partecipazione di questi ragazzi alle attività.