Festival Biblico 2019: “ne la città dolente”, rappresentazione teatrale nel carcere di Montorio 2



Festival Biblico 15a edizione – POLIS. 

Verona dal 3 al 6 maggio 2019: porte, piazze, ponti, palazzi….una “polis” a misura d’uomo. 

Dalla Verona Romana a quella Medievale (con le sue porte murarie un tempo presidio della città, che oggi fanno ombra ad eleganti caffè, i suoi spiccati campanili, pittoresche viuzze, romantiche vedute), fino alla “Città Alta”(che affaccia su più punti, tra cui la terrazza di Castel San Pietro), e alla città d’arte (mappata da architetture e palazzi d’ogni epoca, cui fanno da cornice i sentieri della sinistra Adige), l’urbe scaligera appare degna dell’appellativo di “polis” sotto più un punto di vista.   

«Una città a misura d’uomo, interamente godibile a piedi come Verona – spiega mons. Martino Signoretto, Vicario Episcopale per la Cultura della Diocesi di Verona –, che non è né eccessivamente estesa da rischiare di smarrirsi, né così piccola da rischiare di annoiarsi, merita il titolo di polis anche per la presenza di una cittadinanza attiva, impegnata a costruire una città, e una felice convivenza, tutti insieme, attraverso iniziative di valorizzazione del territorio talvolta molto originali. Uno dei nostri fiori all’occhiello, poi, è la macchina del volontariato. Già San Zeno, nel IV sec. d.C., elogiava i veronesi con queste parole: Le vostre case sono aperte a tutti i viandanti; sotto di voi nessuno ne’ vivo ne’ morto fu visto a lungo ignudo. Ormai i vostri poveri ignorano che cosa sia mendicare il cibo; ormai le vedove e i bisognosi redigono il testamento».

Similmente a una barca, prosegue il biblista Signoretto, «la nostra Verona naviga, da sempre, sul corso tortuoso di un fiume, proponendosi come crocevia delle più importanti arterie stradali, e i suoi cittadini non sono semplici passeggeri, bensì pellegrini chiamati a far parte di un unico equipaggio, una ciurma di anime molto diverse, e per questo anche parecchio arricchenti. Motivo per cui, da Veronesi, non possiamo più accontentarci di “vendere” la nostra città sotto l’esclusiva etichetta del mito “Giulietta e Romeo” ovvero dell’Arena. Verona è molto di più!».

Mai come in questa edizione, dunque, la rassegna sulle Sacre Scritture approda in riva all’Adige con un buffet di spunti serviti su un piatto d’argento, dal consueto “Piatto Biblico”, «che vedrà cimentarsi i ristoratori nell’invenzione di una ricetta ispirata a una (metro)polis, sia essa italiana o estera (non mancheranno, ad esempio, i piatti “Tokio” e  a “San Pietroburgo”), ai convivi culturali sul futuro delle nostre periferie e dei nostri beni architettonici. Quest’ultimo, tema cardine della serata inaugurale del 3 maggio, alla quale abbiamo invitato due esperti di urbanistica: l’architetto Guendalina Salimei, dalla cui vicenda professionale ha tratto ispirazione il film Scusate se esisto, con Paola Cortellesi e Raul Bova (del regista Riccardo Milani), e don Valerio Pennasso, direttore dell’Ufficio nazionale per i beni culturali ecclesiastici e l’edilizia di culto della CEI. Abbiamo quindi prodotto uno spettacolo sulle città bibliche, intitolato “Beth”, nel quale le celebri Gerico, Sodoma, Gerusalemme, descritte nelle Scritture, prenderanno la parola attraverso un’interprete d’eccezione, l’attrice Daniela Poggi, per l’occasione affiancata dall’attore Attilio Fontana».

Altro spazio di riflessione sulla città di oggi e di domani, si aprirà nei due eventi “La città che rifiorisce” (due casi di rinascita sociale ed economica, ovvero Sebaste e Betania, in Terra Santa, illustrati da una storica dell’arte e un biblista) e “Smart City alla ricerca della felicità, le sfide dell’innovazione”, incentrato sull’attuale dibattito della conciliazione tra innovazione tecnologica e centralità della persona.

Novità assoluta, infine, sarà lo spettacolo esperienziale con i detenuti del carcere di Montorio: “Ne la città dolente, scritto e diretto dal regista Alessandro Anderloni. Un cammino tra le mura del penitenziario, sui passi dell’Inferno di Dante Alighieri, accompagnati appunto dai detenuti-attori del gruppo teatrale del carcere di Verona, e da una decina di studenti delle scuole secondarie veronesi, chiamati come co-protagonisti. A gruppi di cento, gli spettatori cammineranno lungo gli spazi della reclusione carceraria, dando vita a uno spettacolo in forma itinerante tra corridoi, aule rieducative, aree trattamentali. Luoghi in cui si specchiano i gironi, i cerchi, le bolge infernali della Divina Commedia. L’evento è a numero chiuso con prenotazione obbligatoria su www.festivalbiblico.it. 

Nel dettaglio sono in particolare tre le prospettive che verranno indagate negli appuntamenti culturali del Festival 2019.

In primis la prospettiva biblica e teologica che interrogherà il Testo Sacro per illuminare alcuni aspetti della realtà della città – presente nell’Antico e Nuovo Testamento nel doppio significato di città e cittadinanza – attualizzando anche la riflessione a partire da alcune parole di papa Francesco che compaiono nel suo Evangelii gaudium “La nuova Gerusalemme, la Città santa (cfr. Ap 21,2-4) è la meta verso cui è incamminata l’intera umanità. È interessante che la rivelazione ci dica che la pienezza dell’umanità e della storia si realizzano in una città. Abbiamo bisogno di riconoscere la città a partire da uno sguardo contemplativo, ossia uno sguardo di fede che scopre quel Dio che abita nelle sue case, nelle sue strade, nelle sue piazze. La presenza di Dio accompagna la ricerca sincera che persone e gruppi compiono per trovare appoggio e senso alla loro vita. Egli vive tra i cittadini promuovendo la solidarietà, la fraternità, il desiderio di bene, di verità, di giustizia. Questa presenza non deve essere fabbricata, ma scoperta, svelata”.

La prospettiva antropologica e dell’abitare aprirà, invece, uno spazio di riflessione sulle città luogo/non luogo da costruire e abitare, interrogandosi sulla polis intesa sia come costruzione sociale e umana complessa e plurale, sia come costruzione architettonica, per arrivare a parlare, di relazioni e anonimato nelle città di oggi, di dialettica tra istituzioni e libertà, di centri e periferie, delle contraddizioni insite nella città, luogo “del sentirsi a casa” ma anche dello “spaesamento” estremo della possibile ingiustizia nonché di architetture degli spazi, di natura e di paesaggio nelle città di oggi.

La prospettiva socio-culturale e politica, infine, proporrà una riflessione sullo sviluppo delle città e dell’idea di cittadinanza – come sono nate e si sono sviluppate tra motivi economici, politici, sociali e religiosi – per cercare di comprendere meglio la complessità della città contemporanea. In questo discorso, in particolare, emergerà come l’uomo abbia affrontato la sfida di apprendere le esigenze del vivere insieme e dell’ordine sociale organizzandosi in comunità in cui più persone, mediante la mediazione del rispetto e della giustizia, con-vivono e co-operano, e come oggi tutto ciò si intrecci con le nuove sfide della cultura urbana e della vita comune nel mondo plurale e globalizzato dove si produce una permanente ambivalenza e si generano nuove situazioni di svantaggio, povertà e marginalità.

Alberto Speciale

Scarica qui programma di Verona in pdf

 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

2 commenti su “Festival Biblico 2019: “ne la città dolente”, rappresentazione teatrale nel carcere di Montorio

  • Vinicio Bissolo

    desidero avere una prenotazione per la rappresentazione teatrale dal carcere di Montorio “ne la città dolente”
    Resto in attesa di ricevere una gradita vostra risposta.
    Cordialità. Vinicio Bissolo