Montorio, PUA “Ai Tigli”: avviato iter per la decadenza di tutti gli atti urbanistici


L’amministrazione ha avviato anche per il PUA di via dei Tigli a Montorio (SN 159) l’iter per la decadenza di tutti gli atti urbanistici fino ad oggi a causa della polizza fidejussoria emessa da una società nel frattempo fallita, nonché delle osservazioni in merito al valore notevolmente inferiore del contributo di sostenibilità stanziato.

La notizia è stata comunicata ieri da parte del Consigliere comunale Michele Bertucco di Verona e Sinistra in Comune. I proponenti dell’intervento urbanistico, oggetto di numerosi ricorsi al TAR, sono la società La Fossetta Srl, dell’imprenditore Alessandro Leardini, e numerosi altri privati.

Bertucco dichiara: «Dopo i Pua all’ex Cardi a Chievo già dichiarato decaduto, e quello di San Rocchetto, a Quinzano, su cui è stato avviato analogo procedimento, l’amministrazione riconosce la bontà del nostro operato anche in questo caso».

E conclude: «In tutti i casi finora trattati, ma su altri sono in corso verifiche, ci siamo sostituiti al ruolo dell’amministrazione, la quale, come abbiamo appurato, non svolge alcuna verifica approfondita sulla validità e l’efficacia delle fidejussioni depositate dalle ditte. È pertanto necessario che al più presto gli uffici si dotino di una procedura in tal senso».

Verifica che dal 3 giugno 2019 è stata peraltro inserita, da parte della Direzione Contratti Anticorruzione – Controllo Affidamenti – Trasparenza, tra i protocolli operativi degli uffici richiamando gli stessi all’osservanza della Nota di IFEL – Fondazione Anci relativa a “Fideiussioni – Nota di approfondimento e avvertenze per i Comuni” del 4 luglio 2016.

Alberto Speciale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.