L'Arena - 19/11/13 : Malesani apre una cantina a Trezzolano


L'Arena -  19 novembre 2013

 

 

malesani«Mandorlini è un Barolo, Corini un Valpolicella Doc»

 

Ha giocato e vinto il derby seduto sulle due panchine «L'Hellas ha un grande allenatore, può arrivare in alto Un tecnico giovane riporterà entusiasmo al Chievo»

 

Lui produce vino là, nella conca di Trezzolano, dove le nuvole sembrano abbassarsi per accarezzare il vigneto. Ti lasci alle spalle il caos della città, arrivi a Montorio, passi Mizzole, ti arrampichi verso Castello, alla chiesetta svolti a sinistra. Sullo sfondo, nella foschia della pioggia novembrina, ecco «La Giuva». Un'oasi di pace a pochi chilometri da Verona, il rifugio di Alberto Malesani. «Insieme al calcio e alla bici, il vino è una delle mie grandi passioni - racconta l'allenatore - sono sempre stato legato a Verona, alla mia terra. Sono nato a Montorio, a due passi da qui.
Ho acquistato questo terreno nel 2003». Lassù è nata l'idea di mettere su una cantina. «Si chiama Giuva, l'acronimo dei nomi delle mie figlie, Giulia e Valentina - spiega - entrambe coinvolte nel progetto. Con noi c'è Lorenzo Caramazza, il nostro enologo». Per vedere un sogno diventare realtà. «Tutto è nato per passione - spiega - il calcio mi ha dato la possibilità di conoscere meglio i vini e le cantine del mondo. La prima volta che ho pensato a una cantina tutta mia? Ero a Bordeaux, durante una passeggiata notturna, a poche ore da una partita di Coppa. Sono entrato in un locale, ho assaggiato un calice di quel rosso e ho iniziato a fantasticare». Coinvolgente e determinato, in mezzo ai suoi vigneti come in panchina. Acquisita la tenuta in Val Squaranto, ha aspettato cinque, sei anni, perchè ci vuole equilibrio tra il terreno e il vitigno. L'Amarone è il traguardo - «a poco, a poco, ci stiamo arrivando...», ammette - intanto La Giuva ha imbottigliato le prime bottiglie di un Valpolicella fresco, di Recioto, di un Valpolicella Superiore. «L'abbiamo chiamato "Il rientro" - sorride Malesani - è una parola che ho usato tanto nella mia vita professionale. Anche perchè se non hai giocatori che rientrano non fai molta strada. La prima volta che abbiamo assaggiato questo vino ho detto: "senti come rientra in bocca...". Il mio enologo ha preso la palla al balzo. "Lo chiameremo Rientro", ha detto. E così abbiamo registrato il nome». Sabato torna il derby in A, in panchina due enologi, pardon due allenatori, che vivranno la sfida con obiettivi diversi. «A quali vini si possono paragonare? Mandorlini è stato sottovalutato e sottostimato per quello che ha fatto finora - spiega - ha vinto tanto, non solo a Verona. Potrebbe essere un Barolo. Deciso, determinato, un vino di grande carattere. Corini ha iniziato da poco, come tutti i giovani ha tanta voglia di fare, ha riportato entusiasmo al Chievo. Un vino della nostra terra, un Valpolicella Doc».
Un derby che la gente aspetta da undici anni. «Una partita da brividi - continua - sento che c'è grande tensione. Orgoglioso di essere veronese, di poter assistere a uno spettacolo che tutto il mondo ci invidia». Malesani è tra i pochi mister italiani che ha giocato un derby guidando le due squadre. «Ricordo il primo con il Chievo - racconta - all'inizio abbiamo pagato la scarsa esperienza, il Verona di Mutti aveva giocatori più esperti. Siamo andati sotto su rigore ma abbiamo reagito e pareggiato con Gori, dopo un'azione bellissima. Ho un ricordo splendido di quella squadra. Ora parlano di 4-2-4, lo facevamo anche noi, con due centrocampisti davanti alla difesa, Rinino e Curti larghi sulle fasce, Cossato e Gori in mezzo. Un calcio modernissimo, sarebbe ancora attuale. Si poteva fare perchè c'era grande umiltà, grande volglia di mettersi in gioco, con una società che ti dava la possibilità di lavorare e crescere».
Poi l'Hellas. E quell'esultanza sotto la Sud che ha fatto il giro del mondo. «Tutto è stato strumentalizzato - ammette - adesso vedo Conte che esulta anche quando fa gol con il Sassuolo, come fosse il Real Madrid. A me piace, perchè bisogna contenere la gioia? Avevo fatto una scommessa con Delneri, avevo detto che se avesse vinto l'Hellas sarei corso sotto la Curva della mia gente. Forse ho anticipato i tempi ma non volevo prendere in giro nessuno, tantomeno i tifosi o i dirigenti del Chievo». Manca di più la panchina del Chievo o quella del Verona? «Fino all'anno scorso mi mancava quella dell'Hellas - spiega - perchè avevo preso la squadra in A e l'avevo lasciata in B. Non è facile assorbire un colpo così per un alelnatore di Verona, da sempre tifoso dei gialloblù. Non ho mai pensato al Chievo anche se il Chievo mi ha dato tanto e io ho dato tanto al Chievo. Però mai dire mai... Sono soddisfatto della mia carriera, di quello che ho fatto, dei traguardi raggiunti. Cosa mi manca? Allenare una Nazionale». A Bologna Malesani ha incontrato il patron dell'Hellas Maurizio Setti, allora vicepresidente rossoblù. «Ci siamo conosciuti in un momento un po' particolare - sottolinea - avevo già un accordo verbale ma c'era stata una rivoluzione in società. Setti era il responsabile dell'area tecnica e si capiva che voleva cambiare. Così, anche se pensavo non fosse giusto, me ne sono andato. Adesso sta facendo bene a Verona, gli vogliamo bene, spero che continui a fare bene».
Un Verona che può arrivare in alto. «Ha la fortuna di avere un grande allenatore, un tecnico che mi piace molto - aggiunge Malesani - ha trasmesso alla squadra la sua voglia di vincere. Adesso potrebbe arrivare qualche passaggio a vuoto, ci può stare per una neopromossa. Bisogna vedere che cosa succederà, come gestiranno le difficoltà. Se faranno ancora bene, potranno raggiungere traguardi importanti».

 

Luca Mantovani

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Estratto dal sito http://www.garanteprivacy.it/cookie


 

Cosa sono i cookie?

 

I cookie sono informazioni immesse sul tuo browser quando visiti un sito web o utilizzi un social network con il tuo pc, smartphone o tablet.

 

Ogni cookie contiene diversi dati come, ad esempio, il nome del server da cui proviene, un identificatore numerico, ecc..

 

I cookie possono rimanere nel sistema per la durata di una sessione (cioè fino a che non si chiude il browser utilizzato per la navigazione sul web) o per lunghi periodi e possono contenere un codice identificativo unico.

 

 

A cosa servono i cookie?

Alcuni cookie sono usati per eseguire autenticazioni informatiche, monitoraggio di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche sugli utenti che accedono ad una pagina web.

 

Questi cookie, cosiddetti tecnici, sono spesso utili, perché possono rendere più veloce e rapida la navigazione e fruizione del web, perché ad esempio intervengono a facilitare alcune procedure quando fai acquisti online, quando ti autentichi ad aree ad accesso riservato o quando un sito web riconosce in automatico la lingua che utilizzi di solito.

 

Una particolare tipologia di cookie, detti analytics, sono poi utilizzati dai gestori dei siti web per raccogliere informazioni, in forma aggregata, sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito stesso, e quindi elaborare statistiche generali sul servizio e sul suo utilizzo.

 

Altri cookie possono invece essere utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati (c.d. Behavioural Advertising). Parliamo in questo caso di cookie di profilazione.

 

Ad esempio: Ti è mai capitato di visitare un sito di servizi, di usare la tua webmail o di accedere alla tua pagina su un social network e di trovare dei banner pubblicitari legati alle tue ultime ricerche sul web o all'ultimo acquisto fatto su Internet?

 

Ciò accade perché quegli spazi web sono progettati per riconoscere il tuo pc o un altro terminale che usi per collegarti al web (smartphone, tablet), ed eventualmente indirizzarti messaggi promozionali "profilati" in base alle tue ricerche e al tuo utilizzo di Internet.

 

Può accadere anche che una pagina web contenga cookie provenienti da altri siti e contenuti in vari elementi ospitati sulla pagina stessa, come ad esempio banner pubblicitari, immagini, video, ecc.. Parliamo, in questi casi, dei cosiddetti cookie terze parti, che di solito sono utilizzati a fini di profilazione.

 

Così i cookie che scarichi su pc, smartphone e tablet possono essere letti anche da altri soggetti, diversi da quelli che gestiscono le pagine web che visiti.

 

 

I cookie e la privacy

 

Considerata la particolare invasività che i cookie di profilazione (soprattutto quelli terze parti) possono avere nell'ambito della sfera privata degli utenti, la normativa europea e italiana prevedono che l'utente debba essere adeguatamente informato sull'uso degli stessi ed esprimere il proprio valido consenso all'inserimento dei cookie sul suo terminale.

 

In particolare, con il provvedimento "Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie" dell'8 maggio 2014 [doc web n. 3118884] il Garante per la protezione dei dati personali ha stabilito che  quando si accede alla home page o ad un'altra pagina di un sito web che usa cookie per finalità di profilazione e marketing deve immediatamente comparire un banner ben visibile, in cui sia indicato chiaramente:

 

1) che il sito utilizza cookie di profilazione per inviare messaggi pubblicitari mirati;

 

2) che il sito consente anche l'invio di cookie di "terze parti", in caso di utilizzo di questo tipo di cookie, ossia di cookie installati da un sito diverso tramite il sito che si sta visitando;

 

3) un link a una informativa più ampia, con le  indicazioni sull'uso dei cookie inviati dal sito, dove è possibile negare il consenso alla loro installazione direttamente  o collegandosi ai vari siti nel caso dei cookie di "terze parti";

 

4) l'indicazione che proseguendo nella navigazione (ad es., accedendo ad un'altra area del sito o selezionando un'immagine o un link)  si presta il consenso all'uso dei cookie.

 

 

In ogni caso, oltre alle tutele previste, hai anche altre opzioni per navigare senza cookie

 

Blocca i cookie di terze parti

I cookie di terze parti non sono generalmente indispensabili per navigare, quindi puoi rifiutarli per default, attraverso apposite funzioni del tuo browser.

 

Attiva l'opzione Do Not Track

L'opzione Do Not Track è presente nella maggior parte dei browser di ultima generazione. I siti web progettati in modo da rispettare questa opzione, quando viene attivata, dovrebbero automaticamente smettere di raccogliere alcuni tuoi dati di navigazione. Come detto, tuttavia, non tutti i siti web sono impostati in modo da rispettare questa opzione (discrezionale).

 

Attiva la modalità di "navigazione anonima"

Mediante questa funzione puoi navigare senza lasciare traccia nel browser dei dati di navigazione. I siti non si ricorderanno di te, le pagine che visiti non saranno memorizzate nella cronologia e i nuovi cookie saranno cancellati.

 

La funzione navigazione anonima non garantisce comunque l'anonimato su Internet, perché serve solo a non mantenere i dati di navigazione nel browser, mentre invece i tuoi dati di navigazione continueranno a restare disponibili ai gestori dei siti web e ai provider di connettività.

 

Elimina direttamente i cookie

Ci sono apposite funzioni per farlo in tutti i browser. Ricorda però che ad ogni collegamento ad Internet vengono scaricati nuovi cookie, per cui l'operazione di cancellazione andrebbe eseguita periodicamente. Volendo, alcuni browser offrono dei sistemi automatizzati per la cancellazione periodica dei cookie.