Tutte le Notizie

TBC Carcere Montorio


carcere1Carcere di Montorio: sospetta TBC tra le fila della polizia penitenziaria


"In queste ore alcune unità di polizia penitenziaria in servizio alla Casa Circondariale di Verona Montorio si stanno sottoponendo ad accertamenti clinici per verificare l'insorgenza di eventuali casi di positività alla TBC. Una eventualità che speriamo possa essere scongiurata ma che, purtroppo, appartiene al novero delle ipotesi possibili"

Il Segretario Generale della UIL PA Penitenziari, Eugenio SARNO, non nasconde la preoccupazione per l'evolversi della situazione sanitaria al carcere veronese che proprio la UIL aveva denunciato qualche giorno fa rendendo noto come in pochi giorni ben quattro detenuti fossero risultati affetti da TBC

" Piuttosto che minimizzare o banalizzare il problema , come hanno fatto in tanti, era meglio attivarsi immediatamente per avviare le necessarie azioni di profilassi e di prevenzione. La possibilità che il contagio potesse riguardare anche il personale era un rischio da noi ben rilevato sin dal primo momento . Dalle prime indiscrezioni che filtrano dalla città scaligera pare che almeno tre agenti siano risultati positivi ai primi test. Qualora dovesse essere confermata la notizia del contagio ci si dovrà riferire, giocoforza, ad una epidemia in corso con tutte le conseguenze del caso. Speriamo che il Sindaco Tosi, il Prefetto, le Autorità sanitarie e la stessa Amministrazione Penitenziaria si attivino non solo con tempestività ma anche con efficacia."

Il Segretario Generale della UIL PA Penitenziari nella mattinata si è relazionato con il Capo del DAP, Ionta manifestando tutte le inquietudini del sindacato e le ansie che si registrano tra il personale

" Ho ritenuto informare direttamente e per le vie brevi il Capo dell'Amministrazione Penitenziaria su quanto stesse accadendo a Verona, ricevendo assicurazioni di un tempestivo intervento da parte del DAP. Purtroppo la questione sanitaria è un aspetto, spesso poco indagato, del dramma complessivo che attraversa il sistema carcere in Italia. A questo punto – sottolinea SARNO - vogliamo sperare che il Ministro Alfano, prima di dedicarsi alla sua nuova attività, possa essere determinato, come Maroni, a chiedere al Ministro Tremonti le risorse economiche per garantire la funzionalità del sistema penitenziario e impedire che lo stesso imploda nel volgere di alcune settimane. Pur consapevoli che non spetta al sindacato accertare le responsabilità, non possiamo esimerci dal rilevare che a Verona la gestione sanitaria della vicenda ingenera non poche perplessità. Le malattie infettive, con il degrado e la scarsa pulizia degli ambienti detentivi, rappresentano un rischio aggiuntivo alle già critiche condizioni strutturali dei nostri istituti penitenziari. Così come non può sottacersi la mancata fornitura degli strumenti di prevenzione al personale di polizia penitenziaria operante nelle sezioni detentive. Di mascherine e guanti in lattice, infatti, nemmeno l'ombra."

Comunicato stampa Uilpa
16/06/2011

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Estratto dal sito http://www.garanteprivacy.it/cookie


 

Cosa sono i cookie?

 

I cookie sono informazioni immesse sul tuo browser quando visiti un sito web o utilizzi un social network con il tuo pc, smartphone o tablet.

 

Ogni cookie contiene diversi dati come, ad esempio, il nome del server da cui proviene, un identificatore numerico, ecc..

 

I cookie possono rimanere nel sistema per la durata di una sessione (cioè fino a che non si chiude il browser utilizzato per la navigazione sul web) o per lunghi periodi e possono contenere un codice identificativo unico.

 

 

A cosa servono i cookie?

Alcuni cookie sono usati per eseguire autenticazioni informatiche, monitoraggio di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche sugli utenti che accedono ad una pagina web.

 

Questi cookie, cosiddetti tecnici, sono spesso utili, perché possono rendere più veloce e rapida la navigazione e fruizione del web, perché ad esempio intervengono a facilitare alcune procedure quando fai acquisti online, quando ti autentichi ad aree ad accesso riservato o quando un sito web riconosce in automatico la lingua che utilizzi di solito.

 

Una particolare tipologia di cookie, detti analytics, sono poi utilizzati dai gestori dei siti web per raccogliere informazioni, in forma aggregata, sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito stesso, e quindi elaborare statistiche generali sul servizio e sul suo utilizzo.

 

Altri cookie possono invece essere utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati (c.d. Behavioural Advertising). Parliamo in questo caso di cookie di profilazione.

 

Ad esempio: Ti è mai capitato di visitare un sito di servizi, di usare la tua webmail o di accedere alla tua pagina su un social network e di trovare dei banner pubblicitari legati alle tue ultime ricerche sul web o all'ultimo acquisto fatto su Internet?

 

Ciò accade perché quegli spazi web sono progettati per riconoscere il tuo pc o un altro terminale che usi per collegarti al web (smartphone, tablet), ed eventualmente indirizzarti messaggi promozionali "profilati" in base alle tue ricerche e al tuo utilizzo di Internet.

 

Può accadere anche che una pagina web contenga cookie provenienti da altri siti e contenuti in vari elementi ospitati sulla pagina stessa, come ad esempio banner pubblicitari, immagini, video, ecc.. Parliamo, in questi casi, dei cosiddetti cookie terze parti, che di solito sono utilizzati a fini di profilazione.

 

Così i cookie che scarichi su pc, smartphone e tablet possono essere letti anche da altri soggetti, diversi da quelli che gestiscono le pagine web che visiti.

 

 

I cookie e la privacy

 

Considerata la particolare invasività che i cookie di profilazione (soprattutto quelli terze parti) possono avere nell'ambito della sfera privata degli utenti, la normativa europea e italiana prevedono che l'utente debba essere adeguatamente informato sull'uso degli stessi ed esprimere il proprio valido consenso all'inserimento dei cookie sul suo terminale.

 

In particolare, con il provvedimento "Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie" dell'8 maggio 2014 [doc web n. 3118884] il Garante per la protezione dei dati personali ha stabilito che  quando si accede alla home page o ad un'altra pagina di un sito web che usa cookie per finalità di profilazione e marketing deve immediatamente comparire un banner ben visibile, in cui sia indicato chiaramente:

 

1) che il sito utilizza cookie di profilazione per inviare messaggi pubblicitari mirati;

 

2) che il sito consente anche l'invio di cookie di "terze parti", in caso di utilizzo di questo tipo di cookie, ossia di cookie installati da un sito diverso tramite il sito che si sta visitando;

 

3) un link a una informativa più ampia, con le  indicazioni sull'uso dei cookie inviati dal sito, dove è possibile negare il consenso alla loro installazione direttamente  o collegandosi ai vari siti nel caso dei cookie di "terze parti";

 

4) l'indicazione che proseguendo nella navigazione (ad es., accedendo ad un'altra area del sito o selezionando un'immagine o un link)  si presta il consenso all'uso dei cookie.

 

 

In ogni caso, oltre alle tutele previste, hai anche altre opzioni per navigare senza cookie

 

Blocca i cookie di terze parti

I cookie di terze parti non sono generalmente indispensabili per navigare, quindi puoi rifiutarli per default, attraverso apposite funzioni del tuo browser.

 

Attiva l'opzione Do Not Track

L'opzione Do Not Track è presente nella maggior parte dei browser di ultima generazione. I siti web progettati in modo da rispettare questa opzione, quando viene attivata, dovrebbero automaticamente smettere di raccogliere alcuni tuoi dati di navigazione. Come detto, tuttavia, non tutti i siti web sono impostati in modo da rispettare questa opzione (discrezionale).

 

Attiva la modalità di "navigazione anonima"

Mediante questa funzione puoi navigare senza lasciare traccia nel browser dei dati di navigazione. I siti non si ricorderanno di te, le pagine che visiti non saranno memorizzate nella cronologia e i nuovi cookie saranno cancellati.

 

La funzione navigazione anonima non garantisce comunque l'anonimato su Internet, perché serve solo a non mantenere i dati di navigazione nel browser, mentre invece i tuoi dati di navigazione continueranno a restare disponibili ai gestori dei siti web e ai provider di connettività.

 

Elimina direttamente i cookie

Ci sono apposite funzioni per farlo in tutti i browser. Ricorda però che ad ogni collegamento ad Internet vengono scaricati nuovi cookie, per cui l'operazione di cancellazione andrebbe eseguita periodicamente. Volendo, alcuni browser offrono dei sistemi automatizzati per la cancellazione periodica dei cookie.