Filmati

Caserma Duca - 4° Reggimento Alpini


rgt_alpini_cervino_004Cerimonia di insediamento dei parà alpini alla Caserma "G. Duca" di Montorio

Comandante e bandiera alpini paracadutisti dal cielo


I Rangers italiani, il 4° alpini paracadutisti a Montorio Veronese: il comandante e la bandiera di guerra arrivano dal cielo per la cerimonia.
L'evento rappresenta l'atto finale del trasferimento dell'unità ranger da Bolzano a Verona, un processo iniziato il 10 dicembre del 2010.
Il trasferimento - ha spiegato il Capo di Stato Maggiore dell'Esercito, gen. Giuseppe Valotto - ha motivazioni logistiche. Questa struttura a Verona permetterà al 4/o reggimento di crescere". "Uno dei problemi di Bolzano - ha aggiunto - era che potesse avere poca attrattiva rispetto agli altri corpi speciali, per il fatto di essere in quella dislocazione". "Con questa collocazione - ha concluso il gen. Valotto - avrà tutte le altre specialità dei paracadutisti vicine, e permetterà al 4/o di crescere e di sviluppare quello che ha già saputo fare, cioé essere delle eccellenze dei nostri corpi speciali". La bandiera di guerra del 4/o reggimento alpini paracadutisti é la seconda più decorata dell'Esercito italiano e si fregia della Croce di cavaliere dell'ordine militare d'Italia, di due medaglie d'oro al valor militare e 9 d'argento. Durante la cerimonia è stata concessa la Croce d'oro del Merito dell'Esercito al cap. Giovanni Garofalo, distintosi durante le operazioni in Afghanistan, comandante di un plotone ranger, a Surobi, nel distretto di Kabul.







Il 4° Reggimento Alpini Paracadutisti "Monte Cervino" è un'unità d'elite ad altissima specializzazione facente parte dei reparti F.O.S dell'Esercito Italiano,è l'unico reggimento che qualifica "RANGER" i volontari, dopo un intenso e fortemente selettivo iter addestrativo della durata di circa 2 anni.Dopo il brevetto di paracadutismo militare,e il tirocinio di 2 settimane svolto al B.A.I di Livorno,si accede alla prima fase,comprensiva di corso O.B.O.S(della durata di 5 mesi che si segue presso la caserma Vannucci,unitamente agli altri reparti F.O.S dell'Esercito,9° ColMoschin,185° Acquisitori obiettivi e 26° R.E.O.S) e corso Ranger,di 3 mesi,frequentato nella sede del "Monte Cervino",a Montorio Veronese.seguono le successive fasi:corso anfibio,della durata di 1 mese,fasi basiche di arrampicata e sci/sci-alpinismo,della durata di un mese ciascuna(non necessariamente in quest'ordine),corso di resistenza a interrogatori e sopravvivenza per Forze Speciali della durata di 3 settimane,le fasi avanzate di roccia e sci/alpinismo,in cui vengono sviluppate e perfezionate le tecniche di combattimento in ambiente montano,innevato ed estivo,anch'esse di un mese ciascuna.Dopo la qualifica seguono varie specializzazioni: Paracadutismo TCL,corso di tiratore scelto presso l'International Special Training Center di Pfullendorf,corso FAC(Forward Air Controller),CQB (Close Quarter Battle),Patrol Medical Course (ISTC di Pfullendorf),Combat Medical Training Corse (ISTC di Pfullendorf),Corso operatori scorte e protezione ravvicinata VIP,Corso EOR di 3 settimane e IEDD,corsi di Lingue, presso la SLEE .Gli operatori RANGER del 4° "Monte Cervino" vengono impiegati per operazioni speciali,azioni dirette,ricognizioni a medio e lungo raggio,incursioni,sabotaggi e raid,e per azioni di fanteria leggera ad elevato rischio.



Per approfondimenti:

4º Reggimento alpini paracadutisti - Wikipedia

Il 4° Reggimento Alpini Paracadutisti "Monte Cervino" - Comando Truppe Alpine

4º Reggimento alpini paracadutisti - Maistrac

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Estratto dal sito http://www.garanteprivacy.it/cookie


 

Cosa sono i cookie?

 

I cookie sono informazioni immesse sul tuo browser quando visiti un sito web o utilizzi un social network con il tuo pc, smartphone o tablet.

 

Ogni cookie contiene diversi dati come, ad esempio, il nome del server da cui proviene, un identificatore numerico, ecc..

 

I cookie possono rimanere nel sistema per la durata di una sessione (cioè fino a che non si chiude il browser utilizzato per la navigazione sul web) o per lunghi periodi e possono contenere un codice identificativo unico.

 

 

A cosa servono i cookie?

Alcuni cookie sono usati per eseguire autenticazioni informatiche, monitoraggio di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche sugli utenti che accedono ad una pagina web.

 

Questi cookie, cosiddetti tecnici, sono spesso utili, perché possono rendere più veloce e rapida la navigazione e fruizione del web, perché ad esempio intervengono a facilitare alcune procedure quando fai acquisti online, quando ti autentichi ad aree ad accesso riservato o quando un sito web riconosce in automatico la lingua che utilizzi di solito.

 

Una particolare tipologia di cookie, detti analytics, sono poi utilizzati dai gestori dei siti web per raccogliere informazioni, in forma aggregata, sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito stesso, e quindi elaborare statistiche generali sul servizio e sul suo utilizzo.

 

Altri cookie possono invece essere utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati (c.d. Behavioural Advertising). Parliamo in questo caso di cookie di profilazione.

 

Ad esempio: Ti è mai capitato di visitare un sito di servizi, di usare la tua webmail o di accedere alla tua pagina su un social network e di trovare dei banner pubblicitari legati alle tue ultime ricerche sul web o all'ultimo acquisto fatto su Internet?

 

Ciò accade perché quegli spazi web sono progettati per riconoscere il tuo pc o un altro terminale che usi per collegarti al web (smartphone, tablet), ed eventualmente indirizzarti messaggi promozionali "profilati" in base alle tue ricerche e al tuo utilizzo di Internet.

 

Può accadere anche che una pagina web contenga cookie provenienti da altri siti e contenuti in vari elementi ospitati sulla pagina stessa, come ad esempio banner pubblicitari, immagini, video, ecc.. Parliamo, in questi casi, dei cosiddetti cookie terze parti, che di solito sono utilizzati a fini di profilazione.

 

Così i cookie che scarichi su pc, smartphone e tablet possono essere letti anche da altri soggetti, diversi da quelli che gestiscono le pagine web che visiti.

 

 

I cookie e la privacy

 

Considerata la particolare invasività che i cookie di profilazione (soprattutto quelli terze parti) possono avere nell'ambito della sfera privata degli utenti, la normativa europea e italiana prevedono che l'utente debba essere adeguatamente informato sull'uso degli stessi ed esprimere il proprio valido consenso all'inserimento dei cookie sul suo terminale.

 

In particolare, con il provvedimento "Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie" dell'8 maggio 2014 [doc web n. 3118884] il Garante per la protezione dei dati personali ha stabilito che  quando si accede alla home page o ad un'altra pagina di un sito web che usa cookie per finalità di profilazione e marketing deve immediatamente comparire un banner ben visibile, in cui sia indicato chiaramente:

 

1) che il sito utilizza cookie di profilazione per inviare messaggi pubblicitari mirati;

 

2) che il sito consente anche l'invio di cookie di "terze parti", in caso di utilizzo di questo tipo di cookie, ossia di cookie installati da un sito diverso tramite il sito che si sta visitando;

 

3) un link a una informativa più ampia, con le  indicazioni sull'uso dei cookie inviati dal sito, dove è possibile negare il consenso alla loro installazione direttamente  o collegandosi ai vari siti nel caso dei cookie di "terze parti";

 

4) l'indicazione che proseguendo nella navigazione (ad es., accedendo ad un'altra area del sito o selezionando un'immagine o un link)  si presta il consenso all'uso dei cookie.

 

 

In ogni caso, oltre alle tutele previste, hai anche altre opzioni per navigare senza cookie

 

Blocca i cookie di terze parti

I cookie di terze parti non sono generalmente indispensabili per navigare, quindi puoi rifiutarli per default, attraverso apposite funzioni del tuo browser.

 

Attiva l'opzione Do Not Track

L'opzione Do Not Track è presente nella maggior parte dei browser di ultima generazione. I siti web progettati in modo da rispettare questa opzione, quando viene attivata, dovrebbero automaticamente smettere di raccogliere alcuni tuoi dati di navigazione. Come detto, tuttavia, non tutti i siti web sono impostati in modo da rispettare questa opzione (discrezionale).

 

Attiva la modalità di "navigazione anonima"

Mediante questa funzione puoi navigare senza lasciare traccia nel browser dei dati di navigazione. I siti non si ricorderanno di te, le pagine che visiti non saranno memorizzate nella cronologia e i nuovi cookie saranno cancellati.

 

La funzione navigazione anonima non garantisce comunque l'anonimato su Internet, perché serve solo a non mantenere i dati di navigazione nel browser, mentre invece i tuoi dati di navigazione continueranno a restare disponibili ai gestori dei siti web e ai provider di connettività.

 

Elimina direttamente i cookie

Ci sono apposite funzioni per farlo in tutti i browser. Ricorda però che ad ogni collegamento ad Internet vengono scaricati nuovi cookie, per cui l'operazione di cancellazione andrebbe eseguita periodicamente. Volendo, alcuni browser offrono dei sistemi automatizzati per la cancellazione periodica dei cookie.