Giornata di Fraternita’ per gli accoliti


 

Giornata di fraternità per gli accoliti della diocesi di San Zeno – Montorio, domenica 12 settembre 2010

 

Nella serenità di una Domenica calda e soleggiata, in mezzo alle bellezze naturali della Valsquaranto, ai piedi del castello medievale di Montorio Veronese, la Parrocchia di San Giuseppe in Santa Maria Assunta ha accolto con gioia, lo scorso 12 settembre, una quarantina di accoliti della nostra Diocesi- in parte con le loro spose- in rappresentanza di una quindicina di Parrocchie sparse per l’ampio territorio diocesano, dalla bassa veronese al gardesano. Eravamo chiamati a vivere la nostra annuale giornata di ritrovo in vista della piena ripresa delle attività pastorali nelle singole comunità cristiane di appartenenza.

La liturgia delle Lodi Mattutine ci ha consentito di entrare nel clima festoso e consapevole del "Dies Domini" attraverso la preghiera guidata dall’Assistente diocesano e Responsabile dell’Ufficio Liturgico,
don Tullio Sembenini, al termine della quale abbiamo chiesto al Padre di "trascorrere in letizia questo giorno" che ci veniva donato "nel ricordo della gloriosa resurrezione del Suo Figlio".

Il Vicario Episcopale per la Pastorale, Mons. Mario Masina, ci ha- successivamente- illuminato con una breve ma intensa riflessione su alcune parti del documento "Corresponsabilità Ministeriale a servizio della Comunione – Carismi e Ministeri", tema pastorale per l’anno che va ad incominciare.
Mons. Masina ci ha parlato dei "carismi", quali risorse e grazie speciali dello Spirito, partendo proprio dalla 1^ lettera ai Corinzi di San Paolo, al cap. 12. Si è fatto cenno alla varietà dei Ministeri, degli incarichi e dei servizi nella composita realtà ecclesiale dove molteplici sono i modi per condividere l’unica missione di vivere e testimoniare il Vangelo di Gesù Cristo.
Non poteva mancare un particolare riferimento ai ministeri istituiti, quali il lettorato e l’Accolitato, servizi laicali che non sono mete di un cammino di fede privilegiato, ma inizio di una vita cristiana ancora più responsabile ed impegnativa.

Alle 11 abbiamo condiviso con la Comunità cristiana montoriese l’Eucarestia domenicale, quale vertice formativo del nostro incontro e segno visibile della fraternità cristiana nel giorno del Signore.
Ancora una volta, nel corso dell’omelia, mons. Masina ha richiamato a tutti i presenti l’importanza del Servizio dei fedeli laici nella Chiesa, attingendo preziosi riferimenti dalle letture domenicali, in particolare la "lettera di Paolo a Timoteo" ed il "Vangelo di Luca" con le parabole della pecora smarrita, della moneta perduta e del "Padre misericordioso". Il ringraziamento dopo la Santa Comunione ci ha visti unanimemente raccolti con fervore nella "preghiera dell’Accolito", richiedendo al Signore di renderci "ministri generosi, semplici e poveri, che sanno di avere bisogno degli altri, che sanno donarsi con gioia ed ascoltare le persone per comprendere le esigenze da loro manifestate". La Corale parrocchiale, diretta dai maestri G.Sabaini e L. Alloro, ha conferito ancora maggiore solennità alla Celebrazione.

Il pranzo presso il salone del Circolo Noi ci ha permesso di implementare il clima festoso, grazie anche alla presenza di alcune spose degli accoliti presenti. Come non ringraziare, anche in queste poche righe, le persone che ci hanno preparato locali puliti ed accoglienti, nonché i cuochi che si sono posti generosamente al nostro servizio: Oscar, Rita, Berto, Luisa, Giancarlo e Laura hanno incontrato il plauso sincero e convinto dei presenti.

La visita pomeridiana alla Pieve di Santa Maria Assunta, chiesa matrice della Vasquaranto, nel corso della quale l’amico Tarcisio ,dell’Associazione Chiesa vecchia vive, ci ha rappresentato le bellezze storico artistiche del luogo sacro tanto caro ai montoriesi, e la preghiera del Vespero in chiesa parrocchiale, sono state le fasi conclusive del nostro ritrovarci insieme per chiedere alla Madonna di accompagnarci sempre in ogni momento del nostro servizio e della nostra vita in famiglia e nelle comunità di cui facciamo parte.

Un grazie di cuore al Parroco don Gino Adami che ci ha ospitato con la cordialità e la discrezione che contraddistinguono il suo operare alla guida della Comunità Cristiana di Montorio.

G.P.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.