L'Arena 02/18/2013: polistirolo e bottiglie di plastica galleggiano nella Murara



degrado sulla murara ott13La fossa Murara ridotta a discarica

 

L’Arena di Verona 02/10/2013

«La fossa Murara ridotta a discarica»

 

MONTORIO E DEGRADO. E proprio ieri il Consorzio di bonifica annunciava di aver ripulito il torrente Squaranto. Schiuma , polistirolo e bottiglie di plastica galleggiano a ridosso delle abitazioni

 

 

Basta una sgambata, una pedalata in bicicletta o anche solo una passeggiata a piedi, per accorgersi che il panorama non sempre è uguale. Nemmeno similare a come ce l’hanno da poco promesso. Un’immagine surreale sta ferendo la fossa Murara, il torrente che lungo la strada dei fossi da Montorio arriva alle Ferrazze e poi a San Martino. Non detriti organici, resti dell’alluvione o di semplici piogge, ma vera e propria immondizia, lasciata da incivili, che devasta il paesaggio, inorridisce i residenti, fa impallidire le scolaresche accompagnate a conoscere l’ecosistema, azzera le endorfine agli sportivi. Cosa ci fanno resti di polistirolo, bottiglie di plastica, sacchetti di cellophane sommersi da una schiuma putrida, dalla quale si tengono lontane lucciole e libellule, gallinelle d’acqua o Martin pescatore! Gli abitanti dell’ottava circoscrizione cercano consolazione nell’ironia e nella provocazione, attaccando sotto al cartello comunale che invita i padroni di cani al rispetto dell’ambiente, un foglio ciclostilato, di denuncia: «L’amministrazione si deve occupare oltre che della “cacca” dei cani (che almeno è biodegradabile) anche di coloro che insozzano… casa propria può anche essere un letamaio, ma la cosa pubblica è anche degli altri». E dire che proprio ieri, sulle pagine del nostro giornale, il Consorzio di bonifica Alta pianura veneta aveva affermato di aver «appena completato la rimozione dei detriti del torrente Squaranto». Non avevano fatto una capatina più il là, a 100 metri di distanza, dove solerti abitanti si sono rimboccati le maniche, bonificando quella parte di Murara deturpata dal lerciume. «E’ da alcuni giorni che polistirolo e plastica hanno preso domicilio proprio all’inizio della fossa – ci ha raccontato sconsolata una signora. Che ha aggiunto: «Mio marito ha pulito fin dove poteva arrivare, occorre un intervento più strutturato».

Anna Perlini

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.