Se Sindaco sarò … – Il filmato con le risposte dei candidati Sindaco


11 domande ai candidati e la richiesta di un impegno.

Ecco il resoconto della serata organizzata da Civica Attiva.

Il giorno 8 maggio 2017 alle ore 20,45 presso il Circolo ricreativo I Maggio si è tenuto un incontro con i candidati Sindaco alle elezioni del prossimo 11 giugno.

Iniziativa organizzata dalla lista Civica Attiva per promuovere un confronto circa il futuro impegno dei candidati Sindaco nel territorio dell’8^ Circoscrizione.

Hanno partecipato alla serata, in ordine alfabetico:

– Bertucco Michele, “Verona in Comune” e “Sinistra in Comune”;

– Croce Michele, “Verona Pulita”;

– Salemi Orietta, “Partito Democratico”;

– Sboarina Federico, “Battiti per Verona Domani”.

Sono stati inoltre invitati:

– Bisinella Patrizia, “Fare! con Tosi” che ha comunicato la sua impossibilità ad essere presente causa altro impegno.

– Gennari Alessandro, “Movimento 5 Stelle”, che ha comunicato la sua impossibilità ad essere presente causa altro impegno. E’ comunque stato presente nel finale della serata per i saluti;

 

Ai candidati sono state fatte n. 9 domande, inviate loro in anticipo, alle quali, a fine serata, si sono aggiunti altri due quesiti proposti dal pubblico presente.

I candidati hanno avuto a disposizione 2 minuti ciascuno per rispondere alle domande.

Di seguito i filmati con le risposte alle domande e la firma dell’impegno con i cittadini della Circoscrizione VIII


Introduzione di Paola Cavalieri – Civica Attiva

Di seguito il filmato completo della serata a partire dall’introduzione di Paola Cavalieri

Domanda 1 – Nuove residenze edilizie e consumo di suolo

Roberto Fenzi, consigliere di Circoscrizione VIII

Il numero dei  residenti del comune di Verona è stabile, se non in calo. Tuttavia la passata amministrazione ha puntato sullo sviluppo di nuove residenze edilizie, nonostante siano presenti nel nostro territorio e vicino ad esso (San Michele) decine e decine di case incompiute e invendute. A fronte delle centinaia di nuovi alloggi che porteranno nelle casse comunali circa 3 milioni di euro,  non è arrivato nemmeno un euro (alla nostra Circoscrizione) per mantenere un adeguato livello dei servizi. Vi Chiedo:

1 – Intendete perseguire con i nuovi insediamenti, per far cassa, oppure cercherete di contenere il consumo di suolo?

2 – A fronte dei nuovi insediamenti già realizzati, quali investimenti vi impegnate a realizzare nell’ottava Circoscrizione?

 

Domanda 2 – Le aree collinari

Davide Piacentini – Associazione “Vivere le Torricelle”

L’area collinare che circonda la bassa Valpantena e la bassa Val Squaranto viene da anni aria di incuria, di abbandono e di poco interesse da parte delle istituzioni amministrative locali. Questo è il risultato di una progettualità assente: abbiamo potuto sperimentare come anche le richieste di intervento, le proposte e le segnalazioni portate avanti dai residenti, dai cittadini e dalle associazioni siano quasi sempre rimaste lettera morta. Siamo qui per chiedere ai candidati sindaco presenti quali siano le loro linee guida per rendere queste zone più vivibili e fruibili per l’intera cittadinanza.

 

Domanda 3 – Il piano della mobilità

Paola Cavalieri, consigliere di Circoscrizione VIII

Il trasporto pubblico in 8^ Circoscrizione è problematico: poche corse e mal distribuite, con percorsi non funzionali. Manca un vero piano della mobilità che parta dall’analisi delle reali necessità delle persone. Un trasporto pubblico efficiente e una rete di piste ciclabili studiate sulle esigenze dei cittadini permetterebbero a tanti di lasciare a casa l’auto. In questo modo anche i problemi di traffico  e inquinamento verrebbero ridotti.  Prima di concludere che i mezzi pubblici e le piste ciclabili sono poco usate, bisogna proporre un servizio funzionante ed efficace. L’amministrazione deve avere una funzione propositiva ed anche educante. Quali sono le vostre proposte su trasporto pubblico e piste ciclabili?

Domanda 4 – Superbeton

Marco Tosi, Comitato Ambiente Montorio

Riguardo all’approvazione della mozione 995 pro-Comitato Ambiente Montorio presentata il 2 marzo scorso e approvata all’unanimità da parte del Consiglio Comunale:

Quale sarà il vostro impegno (sulla base della mozione), riguardo:

1-alla richiesta di rinuncia da parte di Superbeton del risarcimento danni di 1.000.000 €;

2-al progetto di delocalizzazione che ha proposto il comune di Verona, nella figura dell’assessore Caleffi, a giugno 2016 e che, attualmente, si trova in situazione di stallo? 

3 – a considerare territori come quello di Montorio ad alto pregio ambientale e paesaggistico e quindi un impegno per creare aree protette patrimonio di Verona?

Domanda 5 – Il Palazzetto dello Sport di Quinto

Luca Rupiani, presidente Associazione Sportiva “Viva Volley”

3 dicembre 2013: inaugurazione del palazzetto dello sport di Quinto. Dopo più di vent’anni di promesse è stato consegnato al territorio dell’8^ circoscrizione un impianto costato  un milione e mezzo di euro che la Circoscrizione 8^ avrebbe dovuto avere in gestione risolvendo così l’enorme richiesta delle associazioni sportive del territorio dando loro l’assegnazione preferenziale rispetto alle associazioni esterne all’8^. Invece il Comune di Verona ha ritenuto, più tardi, di gestire autonomamente l’impianto. In pratica si è costruita una cattedrale nel deserto che molto è costata ai cittadini e poco ha soddisfatto le esigenze della bassa Valpantena.

In quella sede erano stati promessi spalti per accogliere 240 persone e asfaltatura del parcheggio (che dovevano –dalle promesse- essere eseguiti nella primavera del 2014).

A distanza di quasi 4 anni l’opera rimane incompiuta e le promesse sopra citate rimangono una chimera. Il pubblico sta in piedi o si accomoda su sedie di fortuna e nel parcheggio ancora sterrato al primo acquazzone si formano enormi pozzanghere. All’interno già si notano i segni dell’usura  con il parquette segnato dalle attività sportive non adeguate all’impianto (pattinaggio su ruote). Le porte degli spogliatoi presentano rotture e molti estintori presenti intorno all’area di gioco sono caduti dal loro piedistallo.

Chiedo ai candidati sindaco:

  1. siete al corrente di tutto questo?
  2. possiamo strapparvi qualche promessa per il futuro?

Domanda 6 – I giovani e la fiducia nella politica

Nicolò Zenari, Associazione  il Filò di Cancello

Noi giovani siamo il futuro! La nostra fiducia nella vecchia politica è insignificante in quanto vediamo un sistema che non ci dà spazio e ideologicamente ci elogia e ci sprona a darci da fare ma concretamente ci distrugge. A livello locale, per gli anziani -ad esempio- vengono messi a disposizione spazi ed organizzate attività…e per noi giovani? Capiamo perfettamente che può essere difficile organizzare iniziative a noi dedicate, ma perché non provarci partendo da un dialogo aperto? A voi candidati sindaco chiediamo: cosa pensate di fare per risvegliare dal coma la vecchia politica rendendo il nostro territorio dinamico, appetibile e coinvolgente nei nostri confronti?

Domanda 7 – I vigneti e le trasformazioni del territorio

Paolo Zecchini, commissario Commissione II, Circoscrizione VIII

Nelle nostre vallate la vite ha soppiantato totalmente le altre coltivazioni. E’ tutto un vigneto! Questo porta ricchezza, e siamo contenti. Ma siamo anche preoccupati per l’enorme uso di diserbanti (il famoso glifosate!), per la costruzione di essicatoi-mostro, per le colline trasformate in vigneti con conseguenti problemi idro-geologici. Come pensate di controllare questo mondo legato alla vite? Come pensate di tutelare il delicato e bellissimo territorio dell’VIII circoscrizione?

Domanda 8 – La sicurezza

Roberto Rubele,  Associazione Montorioveronese.it

La gente chiede a gran voce più sicurezza. I cittadini si sentono non protetti a casa propria. Viene richiesta maggior presenza delle forze dell’ordine, maggiore controllo, telecamere, normative e sistemi innovativi per ridurre furti e rapine. Secondo i dati della Prefettura i furti sono in calo. Secondo l’attuale sindaco i dati sono in calo perché ormai la gente non denuncia più ritenendo ciò inutile. Mentre in passato una delle soluzioni prospettate e attuate era il “servizio di vigilanza” locale predisposto dai cittadini, ora nuovi sistemi sembrano soddisfare in parte la richiesta di maggior controllo: l’iscrizione a specifici gruppi sui social network, che creano rete e informano in tempo reale gli utenti (esempio “Valpantena e Valsquaranto più sicure e “Montorio Veronese sicuro”). Qual è la situazione  da voi percepita? Come rendere più sicuro questo territorio? Quali soluzioni adotterete?

Domanda 9 – Le scuole paritarie

Jessica Pavan, presidente scuola materna FISM Poiano

Le scuole dell’infanzia paritarie del territorio svolgono una pubblica funzione di carattere educativo e sociale senza scopo di lucro, anche in sostituzione delle insufficienti strutture comunali: in tutta la Valpantena, ad es. abbiamo una sola scuola dell’infanzia comunale e nessun asilo nido comunale. Ogni anno dobbiamo far fronte a gravi difficoltà economiche a causa anche di contributi comunali non adeguati, che oltretutto arrivano con grande ritardo. Come intendete porVi nei confronti di queste realtà educative, che rischiano di chiudere, e come pensate di supportarle?

Domanda 10 – Il contributo di sostenibilità del piano degli interventi

Marco Martini, consigliere Circoscrizione VIII

In relazione al milione e cinquecento mila euro che dovrebbero essere usati per le opere sul territorio della circoscrizione, come si può porre un sindaco nei confronti di un dirigente amministrativo che in seguito ad una mozione risponde che il contributo di sostenibilità deve essere speso per i bisogni della circoscrizione?

Dopo tre anni di silenzio siamo riusciti ad avere una risposta ma completamente contraria a quella ricevuta tre anni prima dallo stesso dirigente che sostiene: “I soldi non vanno alla circoscrzione ma spesi in base ai bisogni della città”.

Che potere ha il sindaco ? Qual è la risposta corretta?

Domanda 10 – La Carta di Avviso Pubblico

Claudio Ferrari, Comitato Fossi di Montorio

Mi risulta che il Comune di Verona non abbia ancora aderito alla Carta di Avviso Pubblico un codice etico per la buona politica. Composta da 23 articoli, la Carta indica concretamente come un buon amministratore può declinare nella quotidianità i principi di trasparenza, imparzialità, disciplina e onore previsti dagli articoli 54 e 97 della Costituzione.

Avete aderito come candidati? Se verrà eletto farà in modo che il Comune la faccia propria aderendo alla rete di oltre 400 comuni?

Se sindaco sarò…. – L’impegno dei candidati sindaco

Mi prendo l’impegno di incontrare i cittadini della circoscrizione 8^ una volta l’anno per discutere insieme problematiche e possibilità del territorio.

ECCO QUI L’IMPEGNO DEI CANDIDATI SINDACO PRESENTI 

(null)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.