Cava Ferrazze, Via Falcona 8: divieto di prosecuzione attività recupero rifiuti


E’ stata pubblicata ieri la Determinazione n. 2527/17 del 15 giugno 2017 nella quale il Dirigente del Settore Ambiente della Provincia di Verona:
1. vieta la prosecuzione dell’attività di recupero rifiuti svolta presso l’impianto sito in Via Falcona n.8, nel Comune di Verona (VR), sede legale e operativa della ditta Segala S.r.l., in possesso della Determinazione Provinciale n. 2752/13 con cui è stata rinnovata la validità dell’iscrizione al n. 7 del Registro provinciale delle aziende che effettuano attività di recupero di rifiuti non pericolosi in procedura semplificata, fino al 16 giugno 2018, della comunicazione in materia di rifiuti di cui agli art. 215 e 216 del D.Lgs. n. 152/20062;
2. avvia il procedimento per la cancellazione del n. 7 del Registro provinciale delle aziende che effettuano attività di recupero di rifiuti non pericolosi in procedura semplificata;
3. comunica i motivi ostativi al rilascio dell’ Autorizzazione Unica Ambientale.

In data 1 ottobre 2015, la ditta Segala S.r.l. ha presentato al SUAP del Comune di Verona istanza di Autorizzazione Unica Ambientale (A.U.A) per la prosecuzione dell’attività ai sensi dell’articolo 281 del D.Lgs n. 152/2006. In merito a questa istanza si sono tenute n. 2 conferenze istruttorie, rispettivamente in data 10 aprile ed in data 31 maggio 2017.
Con nota n.2016/142056 del 12 maggio 2016, il Comune di Verona ha trasmesso, il proprio parere in merito all’istanza A.U.A. presentata dalla società Segala s.r.l. in considerazione dell’esito del sopralluogo effettuato presso l’impianto in data 3 maggio 2016.

Il sopralluogo ha evidenziato varie criticità/irregolarità nelle modalità di gestione dell’impianto di trattamento rifiuti, delle aree connesse allo stesso e dell’area di cava, criticità/irregolarità esprimendo “parere non favorevole all’istanza finalizzata al rinnovo all’esercizio dell’attività di recupero rifiuti in procedura semplificata, ai sensi degli artt 214-216 del D. lgs 152/2006 e ss.mm.ii e al rilascio dell’ Autorizzazione Unica Ambientale presentata dalla ditta Segala Srl”.  Conseguentemente la Provincia ha inviato il 24 agosto 2016, nota prot. 68575/2016, alla ditta Segala S.r.l. una diffida. 
Con nota del giorno 8 novembre 2016 la Provincia ha riscontrato le osservazioni alla diffida inoltrate dalla Ditta e ha integrato il provvedimento diffidando ulteriormente la ditta a gestire l’impianto correttamente e conformemente al D.Lgs. n. 152/2006 , al Decreto Ministeriale 5 febbraio 19988 ed alla Determinazione Dirigenziale n. 2752/13 del 13 giugno 2013.

In particolare la Ditta è stata diffidata:
a) ad allontanare dall’impianto in procedura semplificata i rifiuti non autorizzati;
b) ad allontanare dall’area di cava il “materiale” derivante dal trattamento dei rifiuti (classificato ancora come rifiuto);
c) a mantenere stabilmente il frantoio autorizzato entro il perimetro dell’area individuata nella comunicazione;
d) a non utilizzare per il trattamento dei rifiuti gli impianti di lavorazione autorizzati ai sensi della Legge 44/82 sulle cave;
e) a non scaricare nel suolo le acque reflue derivanti dal dilavamento dei rifiuti inerti non pericolosi contenenti asfalto e/o frammenti di asfalto, finché non sarà adeguato lo scarico dei reflui trattati. 

In particolare, dal sopralluogo del Comune di Verona citato in premessa, emerge una gestione non corretta dell’impianto di recupero autorizzato in procedura semplificata, gestione non conforme alla comunicazione per mancato rispetto della tipologia dei
rifiuti, per mancata presenza in impianto dei macchinari (frantoio mobile), per mancato rispetto delle aree di stoccaggio della frazione risultante dal trattamento dei rifiuti, frazione che la Ditta ha in parte posizionato in cumuli, in base alla pezzatura, all’esterno del perimetro autorizzato, quindi in area di cava non compresa nella comunicazione.
In impianto sono stati rinvenuti rifiuti non autorizzati costituiti dal “fresato d’asfalto” e “asfalti” non previsti nella comunicazione (lettere a) e b) di quanto rilevato dal Comune di Verona in data 3 maggio 2016, richiamato al punto n. 1 lettera A della diffida provinciale. Peraltro gli spazi autorizzati per lo stoccaggio dei rifiuti, per la lavorazione, per le materie prime seconde (End of West) sono chiaramente indicati nella planimetria datata 16 luglio 2008, allegata alla documentazione trasmessa dalla Ditta che ha consentito il rinnovo dell’iscrizione di cui alla determinazione provinciale n. 4431/08 del 18 luglio 2008, riferimento anche del rinnovo avvenuto nel 2013 con determinazione n. 2752/13.
Dal sopralluogo emerge anche che impianti a servizio della cava sono stati utilizzati per il trattamento di rifiuti, senza essere in possesso dei titoli abilitativi (punto c) di quanto rilevato dal Comune di Verona, richiamato al punto n. 3 lettera A della diffida
provinciale). Alcuni impianti di cava (n. 2) hanno ottenuto la sanatoria edilizia dal Comune di Verona, tuttavia non sono attualmente autorizzati né a trattare rifiuti e neppure a trattare il materiale originato dal primo trattamento del rifiuto, in uscita dall’impianto autorizzato in semplificata, seppure in possesso della citata sanatoria edilizia del Comune, in quanto sprovvisti di autorizzazione ambientale.
A seguito della diffida del 24 agosto 2016 la Ditta non ha inviato alcun documento comprovante l’allontanamento dei cumuli oggetto di diffida, come richiesto ai punti 1- 2, lettera A, degli obblighi da rispettare.
A seguito dell’integrazione della diffida effettuata con provvedimento in data 8 novembre 2016, la Ditta non ha inviato alcun documento comprovante l’allontanamento dei cumuli contestati, come richiesto alle lettere a) e b) del punto 1 Determinazione n. 2527/17 degli obblighi da rispettare.
La Ditta nulla ha eccepito neppure in riferimento alla diffida a non utilizzare per il trattamento dei rifiuti gli impianti di frantumazione e vagliatura presenti all’interno della cava, sprovvisti dell’autorizzazione a trattare rifiuti, come rilevato al punto c) dal Comune di Verona e diffidato al n. 3 lettera A della diffida datata 24 agosto 2016.
Secondo la documentazione agli atti inviata dalla Ditta, parte di tale materiale inerte stabilizzato (considerato dalla Ditta End of West) viene dalla Segala Srl trasferito presso gli impianti limitrofi posti in area di cava, all’esterno dell’impianto autorizzato, per essere lavorato e impiegato in edilizia, eventualmente anche con aggiunta di materiali naturali. Tale lavorazione, asserisce la ditta, avviene presso n. 2 impianti autorizzati in sanatoria sotto il profilo edilizio dal Comune di Verona in data 7 giugno 1999. Si tratterebbe di -impianti di produzione di stabilizzato riciclato a servizio di attività industriale di trattamento di materiali inerti provenienti da cave, scavi, demolizioni, ecc-.
Tali impianti peraltro non hanno acquisito le autorizzazioni ambientali, necessarie per l’esercizio degli impianti industriali affinchè possano gli stessi essere ritenuti idonei all’utilizzo di materiale End of West nei cicli di consumo o di produzione. L’assenza di
autorizzazioni ambientali costituisce la mancanza di un requisito essenziale affinchè si realizzi “l’effettivo ed oggettivo” recupero che l’art. n. 3, punto n. 3 del D.M. 05/02/1998 stabilisce essere requisito necessario per essere escluse dal regime dei rifiuti.

Il più volte citato provvedimento provinciale del 08 novembre 2016 con cui è stata integrata la diffida, prevedeva inoltre tra le “avvertenze” che la mancata ottemperanza, entro il termine previsto, avrebbe comportato l’emissione del provvedimento di divieto di prosecuzione dell’attività e la cancellazione della ditta Segala Srl dal Registro provinciale delle imprese che effettuano l’attività di recupero di rifiuti in procedura semplificata. fattispecie che è avvenuta con la Determina n. 2527 pubblicata proprio oggi.

La ditta Segala S.r.l. pertanto è tenuta a sospendere, con decorrenza immediata dalla data di notifica/trasmissione del provvedimento n. 2527/2017, ogni attività di conferimento di rifiuti presso l’impianto sito in via Falcona n. 8 nel Comune di Verona, nonché la gestione/trattamento dei rifiuti già introitati.
Sono consentite unicamente le operazioni di messa in sicurezza dei rifiuti presenti e il loro eventuale riposizionamento nelle aree autorizzate al fine di prevenire la contaminazione delle matrici ambientali.
La Ditta è tenuta inoltre, nel minor tempo possibile e comunque entro 60 giorni a ripristinare nell’impianto in procedura semplificata una situazione conforme allo stato autorizzato rispettando gli spazi dichiarati in comunicazione per lo stoccaggio dei rifiuti e del materiale trattato, anche End of West. In particolare è tenuta:
1) ad allontanare dal sito i cumuli di materiale di diversa pezzatura prodotto dal trattamento dei rifiuti, stoccato in area di cava (non compresa nella comunicazione), di cui al punto c) di quanto rilevato dal Comune di Verona, fornendo la documentazione
comprovante la loro destinazione;
2) ad osservare scrupolosamente la normativa ambientale e le indicazioni normative della procedura semplificata riportate anche negli obblighi della Determinazione Provinciale n. 2752/13 (paragrafi 7.1 – 7.1.3 lettere a) e c) – 7.1.4) nel rispetto degli spazi di stoccaggio e lavorazione, nonché delle quantità autorizzate per i rifiuti e le materie prime ottenute, al fine del corretto recupero dei rifiuti e/o riutilizzo in altri cicli delle materie prime.

 

Alberto Speciale

  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.