Verona segreta – Il campo di concentramento di Montorio


Il campo di concentramento di Montorio nella trasmissione “Verona Segreta” di Telearena

Un viaggio nel tempo, nelle campagne tra Montorio e San Michele, tra la Valpantena e la Valsquaranto. Un casolare isolato fra le coltivazioni di pesche, posto in un luogo strategico, nelle vicinanze della grande caserma Duca, nota come “le Casermette” di Montorio, lontano da occhi indiscreti.

Gli unici testimoni di quello che succede in questo luogo sono le famiglie che vivono nelle corti agricole, nelle vicinanze, e i contadini che coltivano i campi. E sono proprio loro che, con ricordi lucidi e circostanziati, fanno riemergere terribili episodi che altrimenti sarebbero caduti nell’oblio.

75 anni fa, uno strano andirivieni di persone, donne, uomini e bambini, scortati da soldati tedeschi con il mitragliatore puntato, vengono condotti e prelevati dal fabbricato. Siamo nel periodo della seconda guerra mondiale e l’edificio circondato da reti metalliche e filo spinato è usato come campo di concentramento.

La scoperta del campo di concentramento e la ricostruzione degli avvenimenti con documenti e videointerviste. La detenzione a Montorio e il viaggio verso Auschwitz raccontato da Leone un sopravvissuto. Le ultime lettere degli ebrei romani rinchiusi nel casolare prima del trasferimento a Fossoli. Questo e molto altro nella trasmissione Verona Segreta.

La trasmissione o meglio il format informativo e culturale di Telearena “Verona Segreta” condotto da Nicolò Brenzoni, ci accompagna alla scoperta del campo di concentramento individuato vicino a Montorio, la cui storia è stata ricostruita per la prima volta nel libro “26 aprile 1945. Una lunga striscia di sangue tra Montorio, Ferrazze e San Martino Buon Albergo

Verona Segreta –Alla scoperta dei luoghi segreti di Verona

Il campo di concentramento di Montorio

Con immagini inedite, filmati e documenti

Interviste esclusive: agli autori della scoperta e della ricerca sul campo di concentramento (Cristian Albrigi, Roberto Buttura e Roberto Rubele), ai testimoni (Lino Bonato e Giacomo Peretti Colò), a Bruno Carmi (Comunità Ebraica di Verona ) e Olinto Domenichini (Ricercatore IvrR – Istituto veronese per la storia della Resistenza e dell’età contemporanea)

Prima parte – Montorio: “La scoperta del Campo”

Seconda parte – Montorio 2: “La vita nel Campo”

Terza parte – Montorio 3: “I segreti del Terrore”

Le foto delle riprese

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.