Nuovo DPCM. Verona nella fascia gialla. Cosa cambia?


Sboarina: “Servono responsabilità e buon senso per non far scattare l’arancione”

Con l’entrata in vigore del nuovo DPCM sono scattate le nuove limitazioni e misure per il contenimento dell’emergenza Coronavirus. Verona, così come il resto del Veneto, è al momento in fascia gialla, ossia a rischio moderato. Questo significa minori restrizioni rispetto ai territori collocati in fascia arancione e rossa.

Cosa cambia?

Coprifuoco dalle 22 alle 5 del mattino: sono quindi consentiti solo gli spostamenti per comprovati motivi di lavoro, necessità o salute. Necessaria l’autocertificazione per uscire dopo le dieci di sera. Per tutto il resto del giorno è comunque raccomandato di non spostarsi se non strettamente necessario.

Anche il servizio di take away subisce delle riduzioni, si potrà, infatti, andare a ritirare il cibo fino alle 22 e non più fino a mezzanotte.

Permane la chiusura di bar, ristoranti e locali alle ore 18.

Altra novità è la chiusura dei centri commerciali il sabato e la domenica, ad accezione di: farmacie, parafarmacie, negozi di alimentari, tabaccherie ed edicole situate al loro interno. In merito alla chiusura nel fine settimana dei centri commerciali, disposta dal Dpcm, è intervenuta la Regione Veneto con un chiarimento. Si precisa che ‘per bar, pasticcerie e parrucchieri presenti all’interno non vale la chiusura nel fine settimana non trattandosi di esercizi commerciali’. 

Chiuse anche mostre e musei.

Le Biblioteche ed il Centro Audiovisivi del Comune di Verona sono chiuse a partire
da giovedì 5 novembre 2020 a seguito del DPCM del 03/11/20. Per le restituzioni al momento potete utilizzare i box esterni alla Civica e alle biblioteche di Borgo Roma e di Borgo Trieste.

Il trasporto pubblico viene ridotto fino al 50% della capienza massima dei mezzi (prima era dell’80 per cento).

A Verona stop agli autobus in tarda serata nelle ore della movida, ma non di quelli diretti a ospedali e stazione; riduzione anche delle linee bis di rinforzo negli orari di punta delle scuole.

Introdotta la didattica a distanza al 100% per le classi delle superiori, fatta eccezione per i laboratori. Gli alunni delle scuole medie, elementari e dell’infanzia possono continuare in presenza, ma con uso obbligatorio di mascherina (tranne al di sotto dei 6 anni). Attività formative e curriculari a distanza anche per le università.

Chiuse le sale gioco, scommesse, bingo e slot machine anche all’interno dei bar.

Stop a concorsi pubblici e a esami di abilitazione, tranne quelli per personale medico e protezione civile.

Ai sindaci, viene data la possibilità di chiudere piazze, vie o aree della città, qualora fosse necessario per evitare assembramenti, durante tutto l’arco della giornata e non più solo dopo le 21 come previsto dal precedente Dpcm.

Sport. Per quanto riguarda le attività sportive è stato chiarito che restano consentite solamente le competizioni nazionali e internazionali. Così come l’attività motoria individuale, ad esempio la corsa, purchè si rispetti la distanza di sicurezza. Continueranno anche le discipline non di contatto nei circoli e centri sportivi all’aperto. Tutto il resto viene sospeso.

Mercati. Ancora da sciogliere, invece, il nodo mercati. Il sindaco ha chiesto, tramite il Prefetto e le associazioni di categoria Confesercenti e Confcommercio, di avere quanto prima dal Governo un’interpretazione in merito. Secondo il Dpcm, infatti, gli esercizi commerciali, come i centri commerciali, dovrebbero rimanere chiusi il sabato e la domenica. Per Verona significherebbe sospendere le bancarelle dello Stadio, tranne quelle di prodotti alimentari, e di piazza Erbe. Due le perplessità espresse dal primo cittadino. La prima che i mercati, se non organizzati, rischiano di creare assembramenti tanto durante la settimana quanto nel weekend. La seconda è che lo stesso decreto, impone alle zone rosse, quelle con un rischio elevato, il divieto di fare mercati tranne che per certe merceologie. Questo, per assurdo, potrebbe portare ad avere mercati più consistenti e frequentati nelle zone rosse rispetto alle zone gialle.

Cosp e controlli. Aumenteranno anche i controlli da parte di tutte le Forze dell’Ordine. 

“Adesso più che mai servono responsabilità e buon senso, non molliamo ora – ha detto Sboarina-. Siamo stati inseriti nella zona gialla, possiamo tirare un respiro di sollievo, ma ci vuole poco passare a quella arancione. Dobbiamo impegnarci tutti perché questo non avvenga. Nessuno vuole che l’emergenza sanitaria si aggravi e scattino nuove limitazioni. Dobbiamo essere rispettosi e attenti alle norme e ai protocolli per far sì che non avvenga il peggio. Oggi, rispetto alla scorsa primavera, abbiamo un motivo in più per rispettare le regole e cioè tenerci stretta la libertà garantita dalla fascia gialla. Questo significa anche aiutare il settore della ristorazione che almeno resta aperto fino alle 18 e non è costretto a chiudere tutto il giorno. Dobbiamo fare tutto il possibile, ognuno deve fare la propria parte. Cerchiamo di indossare sempre la mascherina quando incontriamo persone che non sono conviventi, e stiamo attenti anche in casa, è qui che si formano i focolai. Dobbiamo ridurre al massimo i contatti, questa è l’arma più potente che ognuno di noi ha a disposizione per combattere il virus e uscire il prima possibile da questa battaglia. È un momento cruciale, dai prossimi giorni dipendono le settimane avvenire, non possiamo permetterci di sbagliare adesso. I veronesi si sono dimostrati rispettosi delle regole, dobbiamo continuare così”.

Fonte informazioni: www.comune.verona.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.