5 dicembre 2020: 35° Giornata Internazionale del Volontariato. “Volontariato, insieme possiamo”


La Giornata Internazionale del Volontariato, giunta quest’anno alla 35° edizione, è stata designata il 17 dicembre 1985 dalla Risoluzione 40/212 dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite con ha lo scopo  di riconoscere il lavoro, il tempo e le capacità dei volontari in tutto il mondo.


La Giornata internazionale del volontariato 2020 assume un significato speciale in quanto vissuta senza manifestazioni ma con la soddisfazione profonda che anima chi sta dando un contributo significativo alla propria comunità in un momento particolarmente difficile quale è questo contrassegnato dall’emergenza Covid.

La nostra Associazione vivrà la Giornata del 5 dicembre con la gioia di vivere, la consapevolezza di essere coscienza dei bisogni degli altri e predisposizione al bene comune. Il nostro, come quello delle Altre Associazioni che vivono ed animano il territorio, è un volontariato particolare, perché ciò che doniamo, cioè il nostro tempo, non ci viene restituito. Rappresenta autenticamente la gratuità del dare. Ciò che ci viene “restituito”, ed è per noi vera linfa, sono i vostri “grazie” e le testimonianze di stima ed affetto per quello che che svolgiamo.  E anche la vostra “restituzione” è un fatto di profondo significato. Perché così facendo si scopre che tutti noi abbiamo tantissimo da poter donare agli altri, e spesso non ne siamo consapevoli. 

Ed è appunto il dono il senso primo e ultimo del volontariato. Volontariato equivale a dono. Bisogna farlo con cuore puro. Senza interessi e senza inutili passerelle, proprio per rendere sempre più efficace il proprio dono. Se il volontariato si trasforma in una sorta di mestiere, perde tutto il suo significato.

Per questo, la Giornata del 5 dicembre è, a mio parere, un modo importante e necessario per ricordare la gratuità e la libertà dell’impegno dei volontari. Operare per il bene comune e per la promozione della cultura della solidarietà è esattamente ciò che le Associazioni di volontariato veronesi hanno continuato a testimoniare rimanendo al fianco del prossimo nonostante l’emergenza Coronavirus, spesso ingegnandosi con iniziative di ampio coinvolgimento sociale.

Ricordo in tal senso il nostro progetto “Diario di bordo” aperto a tutta la comunità, con l’intento di condividere il momento difficile che il mondo stava vivendo. L’idea era quella di raccogliere una testimonianza del presente per il futuro: un diario del paese dove ognuno potesse raccontare e condividere piccoli frammenti della propria quotidianità, pensieri, riflessione e immagini.

Piano piano sono arrivate in redazione le storie di persone che hanno voluto raccontare un pezzetto della loro quarantena, fatta di paura e speranze. Ognuno ha messo un po’ di sé stesso nelle parole inviate e questo ha reso il viaggio più autentico e sincero. Tutti i racconti sono stati già stati pubblicati sul nostro sito e successivamente raccolti per essere inseriti integralmente nella seconda edizione de I quaderni della dorsale che potrete trovare domani, dalle 9 alle 13, in piazza Buccari nel nostro gazebo. L’esperienza del diario però non si è fermata e si è trasformata in una mostra, “Mostra d’arte in via Sodelle”, dove le parole hanno preso vita e colore attraverso le immagini di Paola Braga, che con la sua sensibilità e creatività ha reinterpretato su tela alcuni testi scelti tra tutti quelli arrivati. 

Grazie a tutte le Associazioni che operano a Montorio, a Verona, in Italia, nel mondo.

Alberto Speciale


Foto di alcuni degli interventi realizzati dalle Associazioni del territorio (mi scuso se ne dimenticherò qualcuna).

 

Associazione “Comitato Fossi Onlus”; ponte riparato in via Sodelle (qui articolo), valorizzazione e pulizia Forte Preare (qui e qui articoli).

     

Associazione “montorioveronese.it APS”; “Arte in via Sodelle” (qui articolo), “Campo concentramento Montorio” (qui articolo).

Associazione “L’idea del Mamo”; realizzazione murales alla Scuola primaria “Betteloni” (qui articolo).

Associazione “La Goccia”, progetto “fa’ pulito” (foto ed edizione del 2019).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.