“CERCASI UMANI”: la campagna per la promozione del volontariato del CSV Verona. E tu che UMANO sei?


“CERCASI UMANI”  l’inedita e ironica campagna di promozione del volontariato, promossa dal CSV di Verona in sinergia con Comune e Ulss9 Scaligera, in queste settimane ha suscitato interesse e curiosità. E ora prosegue veloce verso la fase3: dalle parole, dalle immagini, ai fatti! Tutte le opportunità, per cittadini e associazioni, sono online sul sito veronavolontariato.it.


Troneggia in piazza Bra dalle colonne della Gran Guardia, è in molti altri punti strategici della città, si muove sugli autobus battendo anche il territorio provinciale. È lo slogan “CERCASI UMANI”, scritta nera su fondo giallo, ed è il teaser della nuova campagna di promozione del volontariato ideata dal CSV, Centro di Servizio per il Volontariato di Verona; cuore e punto, al tempo stesso di arrivo e partenza, di un ampio e innovativo lavoro che coinvolge tutto il territorio.

Con caratteri nuovi, celando in prima battuta le parole “sociale” e “volontariato” e mirata a incuriosire le persone, si tratta a tutti gli effetti di una campagna culturale che si concretizza in una fase di reclutamento per offrire la possibilità di cambiare le cose per sé e per gli altri. Attraverso la campagna “CERCASI UMANI” e il sito di riferimento cercasiumani.org, si arriva infatti alla sezione di veronavolontariato.it in cui è possibile scegliere fra le tante opportunità di volontariato sul territorio a seconda delle proprie preferenze e attitudini, dei valori che si condividono e anche del tempo che si ha a disposizione.

In una veste nuova e con nuovi contenuti, veronavolontariato.it. è il sito del volontariato che mette in connessione i cittadini con le organizzazioni di Verona e provincia. Su queste pagine, cittadini e organizzazioni trovano ciò che fa per loro e si incontrano. Innanzitutto, CHI CERCA AIUTO, trova un data base aggiornato all’ultimo minuto su tutte le realtà che, operando con volontari, si occupano di sanità, assistenza sociale, protezione civile, ambiente, cultura e ricreazione, sviluppo economico e coesione sociale, cooperazione e solidarietà sociale e molto altro ancora. Per CHI VUOLE DIVENTARE VOLONTARIO, è una vetrina periodicamente aggiornata dalle stesse organizzazioni che propone tante attività differenti in distinti ambiti, tra città e provincia e con orari diversi. Ogni associazione pubblica una scheda dettagliata che consente alla singola persona di capire se è il tipo di volontariato che sta cercando, se è l’esperienza che vuole fare per mettere a disposizione tempo e competenze.  E chi non dovesse trovare ciò che cerca, c’è un form da compilare per segnalare cosa gli piacerebbe fare, quanto tempo può mettere a disposizione e altre informazioni utili. CHI VUOLE DONARE, anche senza sborsare un soldo, può conoscere tutti i benefici che agevolano questa scelta (5×1000, donazione di beni inutilizzati in buono stato, sgravi fiscali). Viene anche ricordata la possibilità di scegliere, per le proprie donazioni, fra le associazioni certificate dal marchio etico e di trasparenza Merita Fiducia.

LA CAMPAGNA.

La campagna “CERCASI UMANI” è frutto di mesi di lavoro in co-progettazione con una ventina di organizzazioni di volontariato, a cui nella seconda parte del progetto se ne sono aggiunte altrettante. Attraverso un linguaggio ironico, divertente, inatteso, e per certi sensi anche irriverente, l’iniziativa vuole veicolare il messaggio che il volontariato restituisce più di quanto prende, che risponde anche ai desideri individuali delle persone che lo intraprendono, che ci si può arrivare per motivazioni personali: tanto poi la ricaduta positiva sulla collettività ne sarà ugualmente diretta conseguenza.

«Volevamo dare visibilità a tutto ciò. Questi aspetti rimangono troppo spesso silenti perché, senza comunicare, le persone che sono lontane da questi temi non avrebbero altro modo di sapere che possono contribuire e come farlo», spiega Chiara Tommasini, presidente del CSV di Verona. «Una campagna non è mai una spesa, ma un investimento, perché c’è un ritorno concreto: in Veneto una persona su 10 fa volontariato (dati ISTAT), vogliamo aumentare questa cifra perché un volontario attivo è un valore per la sua comunità», aggiunge la presidente.

«Abbiamo voluto dedicare questa nostra campagna a chi del volontariato non sa molto, a chi non lo ha mai provato e nemmeno si è interessato ai suoi temi, peggio, a chi ha qualche pregiudizio. È pensata per chi lo farebbe solo sapendo che ne trarrebbe qualche beneficio per sé, per poi scoprirne la ricchezza e il piacere di farlo per gli altri», elenca Cinzia Brentari, coordinatrice del CSV.

Nel creare questa campagna sono stati colti i punti in comune fra le tante realtà solidali che operano sul territorio in ambiti anche molto diversi tra loro come sociale, sociosanitario, ambiente e beni culturali, diritti e molto altro ancora. Questo ha permesso di realizzare una campagna trasversale. Oltre alle attività di co-progettazione, formazione, tutoring formativo che hanno dato vita al cartello di organizzazioni produttrici della campagna, il progetto si è arricchito grazie ad un’attività di ricerca con l’Università La Sapienza (Roma) Dipartimento di Comunicazione e Ricerche Sociali sul ruolo della comunicazione. Le organizzazioni co-progettanti sono state coinvolte in questo studio che ha come finalità quello di sviluppare prossimi ambiti di lavoro, per ottimizzare le potenzialità comunicative del non profit veronese. Ambito in cui il CSV intende impegnarsi. «Il progetto ha fatto leva su una serie di criticità e aree di bisogno, in parte già rilevate, e da altrettante opportunità spendibili, cercando di incrociarle in modo da ottenere il massimo risultato possibile, sia per le organizzazioni partecipanti, per il CSV stesso, per i partner di progetto, in logica win – win. Certamente la campagna poteva essere realizzata in autonomia e con tempi più brevi dal solo CSV, ma non avrebbe generato questo percorso virtuoso e partecipato», aggiunge Maria Angela Giacopuzzi dell’ufficio Comunicazione CSV.

Il Carattere Volontario.

Visivamente, il progetto è stato lanciato dal teaser “Cercasi Umani” per poi connotarsi ulteriormente attraverso una serie di aggettivi “Cercasi Pigro”, “Cercasi Egoista”, “Cercasi Polemico” ecc. e il rimando diretto al sito www.cercasiumani.org. La campagna è stata realizzata con un font creato appositamente: il “Carattere Volontario”, un modo per sottolineare il forte carattere che hanno i volontari, diversi fra loro (come eterogenee sono le attività che svolgono), ma uniti nei valori della solidarietà e nella spinta al miglioramento. Tante singole lettere, che diventano un dialogo con il territorio.

La nostra Associazione è già iscritta al portale del CSV Verona, qui i nostri dati ed informazioni.

E tu che “Umano sei”?

Per maggiori informazioni sulle attività e i progetti di montorioveronese.it vi aspettiamo sabato 29 maggio e 5 giugno nel nostro gazebo in Piazza Buccari dalle 9 alle 16. Forse c’è qualcosa che fa per te!

Alberto Speciale

—–

Campagna promossa da CSV, Centro di Servizio per il Volontariato, di Verona in collaborazione con: Università La Sapienza di Roma – Dipartimento di Comunicazione e Ricerca Sociale.

Con il patrocinio di: Comune di Verona, ULSS 9 Scaligera, Comune di Sona, Comune di Villafranca.

Associazioni co-progettanti: ACISJF Protezione della Giovane, Amici Senza Barriere Daniela Zamboni – OVD, ANTEAS Coordinamento, Provinciale di Verona, Associazione Alzheimer Verona ODV, Salmon, Save the Children Italia, Sinergia Onlus, SOS Servizio Operativo Sanitario ODV, Telefono Amico Mondo-X di Verona ODV, Veronettamica OdV, WWF Veronese.

Associazioni aderenti: ABIO Associazione Bambini in Ospedale Verona ODV, ACLI Verona, SAV – Associazione Scaligera Assistenza Vittime di Reato ODV, Associazione Corteccia, Associazione Pro Loco Sona, Associazione Proposte Sociali, AVIS Comunale di Verona – Associazione Volontari Italiani Sangue, AVSA Associazione Volontari Salvaguardia Ambientale, CAV – Centro Aiuto Vita di Legnago, Cooperativa Sociale, La Tata Onlus, La Fraternità ODV, Limen, Medici per la Pace, Nuova Acropoli Verona, One Bridge to Idomeni, RedLab – Darkroom over the borders.

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.