Patti di sussidiarietà. Cittadini attivi sempre più numerosi


In ottava grazie ai Patti è stato riaperto il Castello di Montorio

Continua a crescere il piccolo esercito di veronesi che si prende cura dei beni comuni, una squadra sempre più numerosa di cittadini attivi che mettono a disposizione tempo e competenze per occuparsi insieme al Comune di progetti o interventi a favore dell’intera collettività

 
E lo fanno attraverso i Patti di Sussidiarietà, strumento avviato dal Comune nel 2017 per la cui attuazione è stato predisposto un apposito regolamento, approvato dal Consiglio comunale nel 2017 e aggiornato di recente.
 
Nel 2017 i patti siglati sono stati 4. Oggi, a distanza di quattro anni, hanno raggiunto quota 68, altri 12 sono in fase di istruttoria, il traguardo dei primi 100 è davvero dietro l’angolo. Sono diverse centinaia i cittadini attivi che hanno promosso e “lavorato” nei Patti, alcune migliaia quelli che hanno beneficiato delle attività messe in campo.
Un trend in continua crescita che non si è arrestato nemmeno con la pandemia, durante la quale la cittadinanza si è ancorata con convinzione ai beni comuni per avviare progetti di solidarietà e piccoli segnali di ripresa a favore di tutta la collettività.
 
Dalla cura del verde  alla piccola manutenzione nelle scuole, dalla valorizzazione dei piccoli patrimoni storici e culturali dei quartieri ai servizi alla persona. Persino la street art è stata scelta tra i tanti e diversi temi che trasversalmente interessano tutto il territorio e la comunità.
 
Tanto che ora il Comune è al lavoro per riorganizzare al meglio tale attività, per renderla più produttiva e semplificare i passaggi necessari per dare vita alle diverse iniziative.
In questa fase entrano in gioco anche tutte le Circoscrizioni cittadine, non c’è n’è infatti una che non sia stata direttamente interessata dall’exploit dei Patti, con benefici per il territorio e la cittadinanza.
 
Solo qualche esempio: in prima Circoscrizione ha trovato spazio il Patto nel giardino dell’ex Nani; in seconda quello a villa Are e i progetti di raccolta rifiuti di Plastic free e lo sportello psicologico Psico-go; in quinta il progetto al parco di Santa Teresa; in sesta le manutenzione scolastiche e le iniziative ambientali. In ottava grazie ai Patti è stato riaperto il Castello di Montorio, è stato sistemato il capitello di Mizzole e aperto il Giardino di lettura.
 
Un continuo proliferare di proposte che presto potrà contare su un nuovo strumento, il Laboratorio per la Sussidiarietà, un Hub di comunità che diventerà un’importante cerniera tra Amministrazione e cittadini. Un luogo di incontro, confronto e discussione, dove si potranno progettare insieme nuove iniziative su tutto il territorio comunale. Il laboratorio sarà guidato da un Comitato operativo e affiancato da tavoli partecipativi incentrati su tematiche specifiche, a cui oltre ai rappresentanti di Circoscrizione e Comune potranno partecipare tutti i cittadini interessati.
 
Le novità in tema di beni comuni sono state illustrate ieri dal sindaco Federico Sboarina. Presenti i presidenti delle Circoscrizioni prima Giuliano Occhipinti, seconda Elisa Dalle Pezze, terza Claudio Volpato, quinta Raimondo Dilara, sesta Maria Cristina Sandrini, ottava Alma Ballarin e per la settima il vice presidente Claudio Perbellini, oltre al dirigente del Comune che segue i Patti di Sussidiarietà Giuseppe Baratta.
 
“Un fenomeno che non smette di crescere, a vantaggio di tutta la comunità – ha detto il sindaco-. I cittadini attivi sono sempre più numerosi, coinvolgendo nuove realtà e associazioni che, insieme al Comune, realizzano progetti e iniziative per il bene comune. Il bello è che riguardano temi trasversali e che interessano tutto il territorio. In questo processo le Circoscrizioni sono fondamentali e le ringrazio per lo spirito collaborativo al servizio della cittadinanza. Il Laboratorio per la Sussidiarietà non farà che rafforzare questo legame”.

Come funzionano i Patti di sussidiarietà

Il Comune di Verona con deliberazione del Consiglio comunale n. 10 del 2 marzo 2017 ha approvato il Regolamento per l’attuazione della sussidiarietà orizzontale mediante interventi di cittadinanza attiva. Grazie a questo nuovo strumento giuridico, semplici cittadini possono stipulare patti di collaborazione in maniera agile ed efficace, con maggiori tutele e minore burocrazia. I cittadini attivi possono svolgere interventi di cura e di valorizzazione dei beni comuni della città sia come singoli, sia attraverso le formazioni sociali in cui esplicano la propria personalità, siano esse stabilmente organizzate o meno.

Più precisamente, oltre ai cittadini in quanto singoli, possono presentare proposte di collaborazione:
a) le associazioni su base locale, composte da cittadini che intendano prestare interventi di cura o di valorizzazione in una porzione del territorio comunale;
b) altri soggetti associativi, istituzionali o di altro genere – quali, a titolo esemplificativo e non esaustivo, associazioni, consorzi, fondazioni, pro loco – che siano già formalmente costituiti e perseguano le finalità consentite dalla legge.

Attualmente in Circoscrizione 8^ sono attivi 7 patti di sussidiarietà:

Patto di sussidiarietà con l’Associazione Corteccia Ets per la cura, riqualificazione e valorizzazione della sala dell’ex anagrafe di Montorio come centro di aggregazione dedicato, in particolare, ai giovani

Riqualificazione della sala dell’ex anagrafe di Montorio, presso l’edificio della Circoscrizione 8^, in Piazza delle Penne Nere, con fruizione dello spazio per lo studio assistito pomeridiano, l’organizzazione di momenti ludico-ricreativi e aggregativi dedicati ai giovani, ma anche allo scambio intergenerazionale, la definizione di progettualità con altre associazioni del territorio, per lo svolgimento di attività analoghe a favore della collettività

Periodo di attivazione: dal 08/10/2021 al 08/10/2022

Documenti:

Proposta

Patto

Patto per il restauro conservativo di un affresco all’interno di un capitello votivo, in località Mizzole

Restauro manutentivo dell’affresco raffigurante l’immagine sacra della Madonna posto all’interno del capitello votivo sito in località Mizzole, tra Via Danieli e Via S. Fenzo.

Periodo di attivazione: dal 08/10/2021 al 31/12/2021

Documenti:

Proposta

Allegato alla proposta

Patto

Patto di sussidiarietà per interventi di cura e valorizzazione del compendio del Castello di Montorio – proponente Associazione Due Valli

Valorizzazione del compendio del Castello di Montorio con manutenzione del verde, organizzazione eventi di aggregazione, musicali e teatrali, eventi museali, servizio di guardiania con apertura e chiusura del sito Nella casa dell’ex custode organizazzione di attività a favore delle persone disabili.

Periodo di attivazione: dal 05/02/2021 al 05/02/2027

Documenti:

Proposta

Patto

Area Verde in P.zza delle Penne Nere con attività proposte da un gruppo di cittadini attivi

Area Verde in P.zza delle Penne Nere loclità Montorio, pulizia e manutenzione dell’area semina di erba, piantumazione di piccoli arbusti, sistemazione a giardino dello spazio, abbellimento dell’area, eventuale inserimento di elementi di arredo urbano.

Periodo di attivazione: dal 13/05/2020 al 13/05/2022

Documenti:

Proposta

Patto

Parco Pubblico di Ponte Florio progetto di gestione dell’Associazione Sportiva Dilettantistica Revelo

Interventi di pulizia manutenzione ordinaria e valorizzazione dell’area verde. Promozione di attività sportive urbane attraverso organizzazione di incontri di cultura sportiva e incontri formativi con un preparatore atletico sito in zona Ponte Florio, Montorio.

Periodo di attivazione: dal 31/10/2019 al 31/10/2022

Documenti:

Proposta

Patto

“Ex Scuola elementare di Cancello” grazie ai volontari della Associazione il Filò, la scuola è nuovamente aperta alla cittadinanza per renderla fruibile alla cittadinanza

Gestione, cura e valorizzazione dell’ex Scuola elementare di Cancello, svolgimento di attivita socio-assistenziali, aggregative , ricreative, sportive e di aggregazione per i cittadini.

Periodo di attivazione: dal 11/03/2019 al 11/03/2022

Documenti:

Proposta

Patto

Rendicontazione I

Rendicontazione II

Area verde in Via dei Cipressi località Montorio gestita dal Gruppo Scout AGESCI Verona 12

Manutenzione ordinaria e di valorizzazione dell’area verde con piantumazione di essenze arboree e attività di sensibilizzazione alla cura dei beni comuni.

Periodo di attivazione: dal 16/05/2018 al 16/05/2021

Documenti:

Proposta

Patto

I Rendicontazione

II Rendicontazione

III Rendicontazione

 

Approfondimenti sulle azioni di sussidiarietà intraprese dal Comune di Verona

Nella foto che segue la conferenza stampa in Comune il 24 novembre 2021

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.