montorioveronese.it sostiene il Centro Aperto “Spazio Giochi”. Donato materiale elettronico e sportivo


Il 13 dicembre scorso il direttivo dell’Associazione montorioveronese.it ha incontrato presso il Centro Aperto “Spazio Giochi” di Montorio gli educatori Mirko e Ilaria per la consegna del materiale (elettronico e sportivo) che ha deliberato di donare a sostegno del progetto “La musica come linguaggio dell’adolescenza” (presentato qui sotto).

Questa è una delle modalità che montorioveronese.it ha deciso di utilizzare nel 2023 per “restituire al territorio” le risorse frutto delle attività svolte nell’anno in corso e vuole essere un riconoscimento per l’impatto positivo ed il bellissimo lavoro che Mirko e Ilaria stanno svolgendo nella nostra comunità.

A loro va un grande grazie e l’augurio di proseguire su questa strada.

Grazie anche a tutti coloro (soci, sostenitori e sponsor) per aver supportato le attività di Montorioveronese.it rendendo possibile che questo avvenga.

Un caloroso abbraccio e un augurio di Buone Feste a tutti dal

Consiglio direttivo di Montorioveronese.it



IL PROGETTO.

La musica come linguaggio dell’adolescenza

Il progetto è destinato ai ragazzi iscritti al Centro Aperto di Montorio.

Siamo due educatori professionali, Mirko e Ilaria, da anni lavoriamo sul territorio di Montorio presso il Centro denominato “Spazio Giochi” con l’intento principale di prevenire il disagio minorile nella fascia di età compresa tra 6 e 16 anni; attualmente abbiamo circa 90 iscritti. Siamo dipendenti della Cooperativa Sociale Codess e collaboriamo direttamente con il Servizio sociale comunale. 

Tutti i mercoledì in accordo con la Preside della scuola media Simeoni Dott.ssa Catanzaro, utilizzeremo la confinante palestra dalle 16:30 alle 18:00.

L’idea è di proporre un progetto in cui la musica e il movimento possano diventare il motivo di partecipazione positiva dei ragazzi alle attività.

Premesso che la prima cosa che cambia nel periodo adolescenziale e pre-adolescenziale è il proprio corpo, che subisce una sorta di spinta propulsiva verso un orizzonte che ancora non sappiamo cos’è. Nella mente di un adolescente, il corpo è un qualcosa che non si riesce più a riconoscere e a gestire con facilità: da qui tutta una serie di complicazioni e crisi infinite. La musica e i movimenti coordinati con essa possono essere di grande aiuto; le note diventano così uno strumento per l’apprendimento di competenze in chiave “life skills” e un valido sostegno per la vita

Muoversi, danzare, saltare, correre infatti vuol dire innanzitutto avere una buona padronanza e percezione del proprio corpo, come un qualcosa che ti appartiene e che è un tutt’uno con te, favorendo l’armonia con sé stessi e soprattutto il “volersi bene”. 

Come educatori proporremo esercizi a partire da movimenti leggeri a corpo libero semplici ripetizioni di base fruibili da tutti ed a qualsiasi livello di preparazione atletica e giochi accompagnati dalla musica.

Il progetto permetterà di attivare i ragazzi su tre livelli:

  1. A livello cognitivo: migliorando l’attenzione, la concentrazione, il rilassamento, la gestione delle emozioni e creatività.
  2. A livello relazionale per il gruppo: nella collaborazione, nella fiducia, nella capacità di socializzazione.
    Attraverso esercizi e tecniche, i minori sperimenteranno l’accettazione dell’altro nella sua individualità: “l’altro come diverso da me” ma indispensabile e importante.
  3. A livello fisico: l’equilibrio, la coordinazione, la flessibilità.

Con  questo laboratorio vengono sviluppate inoltre:

  • l’attenzione propriocettiva
  • la capacità di scambio di informazioni tra le parti del corpo e il sistema nervoso centrale. Questo migliora la percezione di sé in relazione con il mondo esterno

Per questo progetto sono necessari una “cassa amplificata multi ingresso”, microfono e dotata di ruote per il trasporto, alcuni palloni, pattini e monopattini e strumenti che risultino compatibili per i percorsi proposti.                                 

                                                                                                       Gli educatori

Mirko Zenati e Ilaria Bertini


Riportiamo qui sotto alcune delle attività e collaborazioni portate avanti negli ultimi 10 anni


2011 e 2012 – Partecipazione a Sagra dell’Assunta per:

  • Servizio di pulizia tavoli e raccolta differenziata.

2013 – Corso preparazione cocktail analcolici con “bar-tender” professionista

2013 – Corso HCCP (adolescenti Centro Aperto + mamme)

2013 – Preparazione di 4 zattere e partecipazione alla gara degli Zatteroni 2013

2013 – Corso Web-Officina – Gestione sito web e contenuti (con montorioveronese.it e Paolo Annechini)

2013 – Partecipazione a Sagra dell’Assunta per : 

2014

Corso preparazione cocktail analcolici presso bar “The Brothers” di Grezzana
– Serata sulle dipendenze con Dott. Bezzetto
– Partecipazione a Sagra dell’Assunta per : 

2015, 2016 e 2017

– Partecipazione a Sagra dell’Assunta per : 

2018

–  Corso di pasticceria presso “Infermentum” per preparazione dolci alla Sagra 2018

2018 e 2019

– Partecipazione a Sagra dell’Assunta per : 

  • Servizio di pulizia tavoli e raccolta differenziata
  • Allestimento e gestione della Fattoria didattica
  • Stand cocktail analcolici : “Più Gusto e Meno Alcol”
  • Realizzazione e gestione Stand di giochi per i Bimbi
  • Preparazione e vendita dolci

2022 e 2023

–  Partecipazione a Sagra dell’Assunta per : 

  • Supporto per montaggio e smontaggio stands
  • Servizio di pulizia tavoli e raccolta differenziata
  • Truccabimbi
  • Preparazione e vendita dolci

Centro Aperto

Cos’è.

Un Centro Aperto è un Luogo d’incontro per bambini e adolescenti, dove gli Educatori Professionali propongono e organizzano attività educative, ludiche e creative da condividere con altri coetanei del proprio quartiere, nel rispetto delle regole e nella reciproca responsabilità.

Per chi

Il servizio è rivolto a tutti i bambini e adolescenti residenti nel Comune di Verona, di età compresa tra i 6 e i 16 anni.
Ogni centro può accogliere fino a 30 minori in base alla disponibilità.
 

Come

I centri sono aperti tutto l’anno: nel periodo scolastico di pomeriggio e durante le vacanze di solito al mattino.
La partecipazione è gratuita e i bambini/adolescenti non sono vincolati alla frequenza giornaliera. 

Nel Comune di Verona ci sono tre Centri Aperti ai quali ci si può rivolgere anche direttamente.  

  • Centro Aperto “Bambù”
    Piazza Brodolini, 2 – zona Golosine
    tel. 045 577018  
  • Centro Aperto “Spazio Giochi”
    Via degli Oleandri (Scuola secondaria di primo grado Simeoni)
    zona Montorio
    tel. 045 8841102
     
  • Centro Aperto “Amico”
    Via Taormina 23/A (angolo Via Trapani) – zona Borgo Nuovo
    Tel. 045 953515

Fonte:

logo Comune di Verona

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.