Alleanza per la biodiversità. Ritorna il “Progetto MAP” al Fondo Prognoi, semi e piantine omaggio


Il Progetto MAP è nato grazie alla bellissima intuizione di Legambiente Vicenza con la quale l’azienda agricola “Fondo Prognoi” di Montorio ha creato subito una sinergia portando a realizzare il progetto anche a Montorio che permetterà di realizzare delle aree fiorite e ricche di biodiversità, che aiuteranno tutti gli insetti impollinatori permettendo loro di posarsi, in collaborazione anche con i cittadini sensibili alle tematiche del bene comune che si renderanno disponibili come volontari.

L’obiettivo del progetto è quello di coinvolgere in modo attivo e partecipativo i cittadini affinché diventino attori della valorizzazione e rigenerazione delle aree verdi urbane (pubbliche e private) ideando e realizzando attività di rifioritura e rinverdimento, così da coniugare insieme i concetti di: cittadinanza attiva, sostenibilità ambientale, recupero e valorizzazione di aree abbandonate.

Il progetto prevede due incontri, il primo già svoltosi il 6 aprile mentre il secondo è previsto sabato 4 maggio, con tema: “cura delle malerbe e trapianti” dalle ore 9 alle ore 12 per un massimo di 20 partecipanti,  presso l’azienda agricola “Fondo Prognoi” in Via Ponte Verde ( www.fondoprognoi.it ).

La partecipazione è gratuita con preventiva compilazione di un form, per info e iscrizioni scivere a: info@fondoprognoi.it sito www.fondoprognoi.it

Il nove per cento di api e farfalle è a rischio di estinzione. L’allarmante dato emerge dal Rapporto Piante e insetti impollinatori: un’alleanza per la biodiversità”, (qui il Rapporto) dell’Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale (Ispra), a cui hanno collaborato anche gli scienziati dell’Istituto di ricerca sugli ecosistemi terrestri del Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr-Iret), assieme a numerose istituzioni, enti di ricerca, università e associazioni che svolgono attività di informazione, formazione e ricerca su tema. Il team ha analizzato gli aspetti del rapporto pianta/insetto, valutando argomenti come l’appropriata gestione degli ecosistemi per salvaguardare gli impollinatori e il ruolo dei prodotti dell’alveare. L’impollinazione animale rappresenta la base fondamentale dell’ecologia delle specie, del funzionamento degli ecosistemi e della conservazione degli habitat. Circa il 90 per cento delle piante selvatiche da fiore, riportano gli esperti, necessita di impollinatori per riprodursi. Tra le specie che contribuiscono maggiormente, i ricercatori evidenziano api, vespe, farfalle, mosche, coccinelle, ragni, rettili, uccelli e anche mammiferi. Stando ai risultati del gruppo di ricerca, il valore economico annuale dell’impollinazione animale ammonta a circa 153 miliardi di euro a livello mondiale, 22 miliardi su scala europea e tre miliardi sul piano nazionale.

La produzione agricola mondiale direttamente associata all’impollinazione è associata invece a un valore economico compreso tra 199 e 589 miliardi di euro. L’attuale declino degli impollinatori dipende da una serie di pressioni ambientali che spesso agiscono in sinergia, come la frammentazione degli habitat, l’inquinamento ambientale, l’eccesso di pratiche agricole intensive, i cambiamenti climatici e la diffusione di specie aliene invasive, come patogeni e parassiti. La Strategia per la Biodiversità 2030 e la “Farm to Fork”, lanciate dall’Unione Europea, contengono proposte per raggiungere entro la fine del decennio una serie di importanti obiettivi mirati alla salvaguardia della biodiversità. 

In occasione della 54° “Giornata mondiale della terra”, dedicata a ripristino degli ecosistemi, sabato 20 aprile l’azienda agricola “Fondo prognoi” ripropone l’iniziativa dello scorso anno con la distribuzione di semi di fiori piantine dalle ore 10 alle ore 12, fino ad esaurimento scorte. E’ opportuno per un migliore trasporto dei semi venire con una proprio contenitore!

Alberto Speciale

(Foto di reportorio: “Progetto Aperò” e “C’è più gusto con l’Ape” presso “Fondo Prognoi”, 2018-2019. Foto credit Alberto Speciale)

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.